Tare: «Inzaghi resterà alla Lazio, Milinkovic vale oltre 90 milioni. De Vrij all’Inter? Non si agisce così…» – FOTO

© foto Twitter @TvDelloSport

Come annunciato dal direttore di Sportitalia Michele Criscitiello, il ds della Lazio Igli Tare ha risposto alle domande durante la trasmissione “Speciale Calciomercato”

Riconoscimento importante per Igli Tare, eletto due mesi fa come miglior ds della Serie A. Il premio è stato assegnato in seguito a delle votazioni dei tifosi da casa e da una giuria scelta da Sportitalia. La stessa emittente questa sera, all’interno della propria trasmissione di punta alle ore 23:00, ospiterà il Ds biancoceleste. A rivelare la notizia è il direttore e conduttore di Speciale Calciomercato, Michele Criscitiello, pronto ad ospitare e a riservare tante domande all’albanese, punto di forza di una Lazio sempre più forte. In studio anche il noto esperto di Calciomercato Alfredo Pedullà. Sarà sicuramente l’occasione per provare a far sbilanciare il Ds su qualche eventuale trattativa da intavolare nei prossimi mesi, o già portata a conclusione.

AGGIORNAMENTO ORE 23.00 – Il premio è pronto. Il direttore di SportItalia, Michele Criscitiello, sta presentando il protagonista della serata, Igli Tare. Si inizia subito con una domanda scomoda di calciomercato, per poi passare a qualche considerazione sul suo percorso alla Lazio in questi anni.

De Vrij è dell’Inter?
«Non lo so, mi auguro solo che darà il massimo per la Lazio fino alla fine. Ci sono comunque molte possibilità che possa andare all’Inter».

Lavorare con Lotito?
«Son passati dieci anni, ma sembra ieri che ho iniziato questo mestiere. Non esiste un segreto, c’è solo tanta voglia di far bene e onorare una società con una storia importante alle spalle. Non è facile lavorare in un contesto come Roma. Sono del pensiero che il club ha superato un momento difficile e ora ha le premesse per fare bene. Dobbiamo però restare coi piedi per terra perchè non sono stati anni facili e dobbiamo ricordarci da dove siamo partiti. Nel calcio tutto può cambiare da un momento all’altro. Dall’esterno non c’è una visione positiva di Lotito, ma noi che siamo all’interno sappiamo che è una grande persona, che ti dà le possibilità per lavorare al meglio. E’ molto saggio, ti sa aiutare nei momenti difficili».

Quanto vale oggi Milinkovic-Savic?
«Non mi piace fare quest tipo di discorso, ora che siamo in lotta su molti fronti. Sicuramente supera di gran lunga la quotazione di 80 milioni di euro. La Lazio comunque non ha chiesto alcuna cifra a nessun club. Ci sono tante squadre interessate, nulla però di concreto. Mai parlato con il Real Madrid».

Quanti campioni come lui ci sono in giro per l’Europa?
«Tantissimi. Sergej non ha ancora raggiunto il suo massimo valore. C’è ne sono altri che possono far bene come lui».

Lazio penalizzata dal Var?
«Non voglio fare polemica. Non c’è uniformità nei giudizi. La stessa situazione con le grandi squadre ha diverse valutazioni se c’è di mezzo la Lazio. Questi episodi possono incidere sulla stagione. La Var è un ottimo strumento, ma deve migliorare il modo di essere utilizzata. In America usano la tecnologia da diverso tempo, dobbiamo prendere esempio da loro».

C’è chi dice che vedrebbe bene Tare all’Inter…
«Sto bene alla Lazio. Non lavoro con i “se” e con i “ma”. Sono fiero di essere qui. Ho sentito che Sabatini lascerà l’Inter, ma non essendo all’interno non possono conoscere le dinamiche che hanno portato a questa scelta».

Come ha fatto a vendere Keita a 30 milioni?
«E’ stato pagato sotto prezzo. Se non fosse stato a scadenza l’avremmo potuto vendere di più. Mi è dispiaciuto molto vederlo partire, visto che arrivò qui a 15 anni, quando era ancora un bambino».

Come ha fatto a convincere Lucas Leiva?
«E’ un contatto partito da molto tempo prima, col calciatore e con l’agente. E’ uno dei miei più grandi acquisti fatti».

Chi vorrebbe della Roma alla Lazio?
«Nessuno. E lo dico con sincerità e rispetto. Ma non vorrei nessun loro calciatore, mi tengo stretto i miei».

E ma qualcuno parte…
«Fa parte del gioco».

Monchi si è presentato con tanti flop…
«La Roma ha fatto un grande acquisto con Schick. Qualche giocatore fa fatica ad ambientarsi, ma lui uscirà fuori alla lunga e sarà il futuro dei giallorossi».

Il mio miglior acquisto?
«Il primo. Il mio primo acquisto è stato Brocchi. Era un giocatore che veniva dal Milan, fondamentale nello spogliatoio per noi».

Ha mai appeso un calciatore al muro?
«Si, è capitato. Quest’anno? A qualche giovane, ma solo per farlo crescere».

Un ritorno di Mauri e Ledesma?
«Se ci sarà l’opportunità, perchè no…».

Mauri era innocente secondo voi? Era colpevole?
«Ha fatto il suo percorso di direttore sportivo. Sono state dette cose non vere nel tempo».

Le piace ancora Gabbiadini?
«Si, diversi anni fa ho cercato di portarlo alla Lazio. Quando giocava ai tempi del Cittadella. Sarebbe compatibile con Immobile, può giocare in vari ruoli. In questo momento non c’è nessuna possibilità di vederlo in biancoceleste».

Perchè in Serie B Strakosha e Luiz Felipe non erano titolari?
«Mandiamo dei calciatori che possono diventare importanti. Spetta alla Salernitana capire che sono giovani e hanno bisogno di sostegno nei momenti di difficoltà. Salerno è una piazza esigente, questo non sempre avviene».

Minala ha richieste dall’estero?
«E’ nella nostra orbita ed è costantemente monitorato».

Chi vince lo Scudetto: Juventus o Napoli?
«Mi auguro al Napoli».

Chi andrà in Champions League?
«Napoli, Juventus, Lazio e una tra le altre (ride, ndr)».

Il Milan può tornare in lotta per il quarto posto?
«Si, può darsi».

Voto al collega rossonero Mirabelli…
«Dico 7».

Juventus dirigenza più forte d’Italia?
«Assolutamente si».

Inzaghi ripiego di Bielsa?
«Aveva ancora fatto 7 partite in Serie A. Sapevamo fosse un predestinato con Lotito, ma avevamo paura si potesse bruciare. Se Bielsa fosse venuto alla Lazio, sarebbe stato per un anno massimo. Nel giro di uno-due anni, Inzaghi sarebbe stato il nostro allenatore. Più parlavamo con altri allenatori, più credevamo fosse lui l’uomo giusto. Ha vinto la sua sfida».

E’ pronto per Juve o Napoli?
«No, perchè è alla Lazio. Non temo di perderlo per almeno due anni. Mi auguro resti per venti stagioni. E’ molto legato a questo club e nella crescita può essere gratificante essere corteggiato da queste squadre. Lui è contento a Roma».

Ha scelto il sostituto di de Vrij?
«Lo abbiamo in casa: è Luiz Felipe».

Che idea si è fatto di Inter e Milan?
«Professionalmente molto positiva. Col Milan abbiamo un grande rapporto. Con l’Inter non siamo mai entrati in contatto, neanche per la questione de Vrij. A questi livelli certe cose si fanno in un altro modo».

E su Spalletti…
«In una stanza con lui finirebbe a pugni (ride, ndr). Lo stimo molto, è uno dei più bravi in Italia».

Su Nani…
«E’ una delle persone che stimo di più nel calcio. Nonostante le difficoltà fisiche, per il gruppo è stato fondamentale. Un campione come lui si è messo a disposizione del mister».

Da chi mi aspettavo di più?
«Il mio rimpianto è Perea. Ancora oggi non so darmi spiegazione, avrebbe potuto fare molto bene nel campionato italiano».

Marchetti che fine ha fatto?
«Si sta allenando con noi».

Un tifoso romanista chiede: “Ci fate vincere il derby di ritorno”?
«Si, nei suoi sogni».

Luca Palmieri e Rocco Fabio Musolino – LazioNews24

Articolo precedente
de vrij calciomercato lazio interTruffa de Vrij, il Feyonoord risponde: «Aspettiamo il verdetto della CAS»
Prossimo articolo
morabitoLazio, progetto che funziona: World Soccer inserisce 5 biancocelesti nella Top 500