Lazio, il tandem Luis Alberto-Felipe Anderson funziona a meraviglia

felipe anderson luis alberto lazio-dinamo kiev Giocata del match
© foto www.imagephotoagency.it

Luis Alberto e Felipe Anderson formano una coppia vincente: l’assenza di Milinkovic con loro pensa adesso un po’ di meno

Spettacolo assicurato quando in campo scende la “Lazio Fantasy”. Cinque reti per superare lo Steaua Bucarest, una prestazione magistrale contro la Dinamo Kiev per continuare a segnare la finale di Lione: se la trequarti biancoceleste è occupata da Luis Alberto e Felipe Anderson, allora c’è sicuramente da divertirsi. Triangolazioni veloci e rifornimenti per Ciro Immobile, che in Ucraina non è riuscito a sfruttare le tante occasioni capitategli sui piedi. Il tecnico Simone Inzaghi ha dovuto rinunciare a Sergej Milinkovic-Savic, non al meglio ormai da un po’. Anche contro il Bologna la sua presenza è a rischio, ma la notizia preoccupa relativamente ora che il #10 brasiliano ha finalmente trovato la miglior condizione fisica.

MIGLIORANO LE STATISTICHE – Nuovo ingresso, maggiore imprevedibilità. Nelle ultime settimane la Lazio aveva perso lo smalto di inizio stagione, gli avversari ne avevano preso le misure. Con Felipe Anderson però c’è stata un’inversione di tendenza: secondo i dati riportati dal Corriere dello Sport, il fantasista verdeoro ha totalizzato 5 dribbling riusciti (record stagionale), ha vinto 10 duelli, ha recuperato 7 palloni. Inzaghi lo ha lodato per lo spirito di sacrificio in fase di non possesso, che ha permesso ai compagni di restare alti di baricentro e non subire la voglia di rimonta degli avversari. I movimenti di Felipe hanno creato lo spazio a Luis Alberto, libero di poter disegnare gioco sfruttando la posizione di mezz’ala (7 occasioni da goal create). Una strategia vincente che probabilmente il tecnico piacentino riproporrà fin da subito, per la gioia dei tifosi e degli amanti del bel calcio.

Articolo precedente
raggiRaggi: «Sono orgogliosa di Roma e Lazio!»
Prossimo articolo
ballotta lazioBallotta: «Lazio, ci devi credere. Puoi vincere in Europa come noi!»