Lazio, una stagione dai due volti: primi tempi da Champions, ma le riprese sono un disastro!

correa
© foto www.imagephotoagency.it

La Lazio, nel caso in cui le partite fossero finite al 45′, sarebbe terza dopo Juventus e Milan. I secondi tempi, però, sono un disastro

Una stagione dai due volti quella conclusa dalla Lazio che, nella classifica definitiva della Serie A, occupa l’ottavo posto. Solamente la vittoria della Coppa Italia ha salvato l’armata da Inzaghi da un campionato fallimentare, ‘coronato’ da un piazzamento ‘fuori Europa’. I rimpianti non sono pochi poiché, con più continuità e maggior concentrazione, i biancocelesti avrebbero potuto perlomeno lottare fino alla fine per la qualificazione in Champions. A pesare sul rendimento della squadra sembrano essere propri i famosi cali di lucidità, soprattutto dal primo al secondo tempo. Come riporta Lazio Page, infatti, la Lazio ha vinto 16 volte il primo tempo, una in meno rispetto alla Juventus capolista a quota 17. Questo vuol dire che, se le partite fossero finite al 45′, i capitolini avrebbero chiuso al terzo posto, dietro a bianconeri e Milan.

RIPRESE – I secondi 45′ di gioco, invece, sono un vero disastro. Dando un’occhiata alle statistiche pubblicate dal noto portale biancoceleste, infatti, Immobile e compagni hanno perso ben 15 secondi tempi. Questo risulta essere il settimo peggior dato della Serie A dopo Chievo, Cagliari, Empoli e Parma, Frosinone ed Udinese.