La Lazio cerca il nuovo de Vrij e sogna Romagnoli

romagnoli
© foto www.imagephotoagency.it

Alessio Romagnoli è il sogno per il dopo de Vrij. Il difensore del Milan che non ha mai nascosto il suo amore per i colori biancocelesti

Il campionato è allo scontro finale, l’attenzione non può e non deve essere distolta da LazioInter ma ipotizzare i primi intrecci di mercato è inevitabile, soprattutto in vista dell’imminente addio di de Vrij. Perchè probabilmente il primo colpo che metterà a segno la società servirà proprio per rimpiazzare l’olandese e rinforzare la difesa: il reparto che, in questa stagione, è stato più volte messo sotto accusa. Servirà un sostituto di spessore, un investimento importante che potrebbe essere finanziato dalla qualificazione Champions.
Per il futuro, il sogno ha già un nome e un cognome: Alessio Romagnoli. Dalla Roma al Milan, il centrale ha portato con sè solo l’amore per i colori biancocelesti. Una fede che ha reso vanto e che ha sempre difeso. Un attaccamento che lo ha fatto entrare di prepotenza nel cuore della tifoseria capitolina. Ma, come per tutti i sogni, il prezzo da pagare è alto: 30 milioni, a riferirlo è l’edizione odierna del Corriere dello Sport. Il giocatore è legato al club rossonero fino al 2020, ma il suo rinnovo sembra al momento bloccato perchè legato ai responsi Uefa e ai conti societari.

ALTRI NOMI – Inzaghi avrebbe messo sulla lista dei desideri due difensori, possibilmente uno mancino. La Lazio continua a seguire Badstuber, in scadenza con lo Stoccarda, giocatore di grande esperienza – ex Bayern Monaco – solo traviato da numerosi infortuni. Nel calderone dei nomi ci sono anche Glik – volto noto nella Serie A avendo militato nel Torino e più volte accostato all’Aquila – e Dedè del Cruzeiro. Attenzioni particolari sono rivolte invece ad Alin Tosca del Betis Siviglia che in questa seconda parte di campionato ha vestito la maglia del Benevento.

Articolo precedente
ImmobileEuropa League, Immobile capocannoniere con 8 gol
Prossimo articolo
lazio - napoli immobileImmobile corre verso l’Inter: 48 ore per lo sprint finale