Lazio-Liverpool, nasce un gemellaggio inesistente… Poi parlateci di sindrome da accerchiamento – FOTO

scontri liverpool
© foto YouTube @DailyMail

Il Tempo ha posto l’attenzione – nella sua edizione odierna – sull’alto rischio che i tifosi del Liverpool e quelli della Lazio si possano coalizzare in occasione della gara di ritorno tra ‘Reds’ e Roma

Mentre Sean Cox – tifoso rimasto vittima degli scontri tra tifoserie precedenti alla gara di Champions League tra Roma e Liverpool – è ancora in bilico tra la vita e la morte, un’altra preoccupazione ha invaso alcuni giornalisti. L’edizione odierna de ‘Il Tempo’ ha posto l’attenzione – occupandosene in prima pagina – del rischio che, in occasione della gara di ritorno, i sostenitori dei ‘Reds’ possano coalizzarsi con quelli della Lazio, accomunati dalla rivalità nei confronti della Roma. Le probabilità di una situazione di questo tipo, poi, sarebbero cresciute dopo che il club capitolino ha messo a disposizione del Liverpool il proprio centro d’allenamento. Nell’articolo si parla, in seguito, di precedenti gemellaggi tra Lazio e tifoserie violente, come quelle ceche, turche e polacche. A dare ancora più autorevolezza all’ipotesi, le parole di Andrea Cecchini di Italia Celere e di Domenico Pianese del Coisp.

LE REAZIONI – Puntuali sono arrivate le reazioni dei tifosi della Lazio, increduli nel constatare come siano stati ‘messi in mezzo’ pur non avendo alcun ruolo all’interno della situazione. Perché parlare di sostenitori della Lazio prima di una partita tra Liverpool e Roma? Perché farlo quando un tifoso britannico è in coma con danni celebrali ad opera di due romanisti? Cosa c’entrano i laziali ancora una volta? I timori di una coalizione tra le due tifoserie potrebbero essere legittimi soltanto nel caso in cui la rivale dei giallorossi fosse una squadra gemellata con la Lazio, ad esempio il West Ham se si considera la Premier League. Ma non è questo il caso visto che i rapporti tra le due squadre inglesi non sono idilliaci, essendoci una rivalità generalizzata tra il Liverpool e le squadre londinesi. Le rimostranze del tifo laziale che nei giorni scorsi ha palesato la differenza di trattamento da parte della stampa quando a rendersi responsabili di atti censurabili (ma sicuramente meno gravi di quanto accaduto sotto la Kop) sono i propri tifosi, si sono dimostrate fondate. Dunque niente sindrome da accerchiamento, è tutto vero. Consci del potere delle parole lanciamo un appello alla responsabilità, ma più che ai tifosi, lo indirizziamo a chi orienta l’opinione e la percezione del pubblico.

Articolo precedente
cholo simeone atletico madridBuon Compleanno a ‘El Cholo’ Simeone: gli auguri della Lazio – FOTO
Prossimo articolo
formelloFormello – Murgia vice Parolo, Lulic si riprende la corsia di sinistra