Lazio, Klose: «A Roma ho conosciuto la serenità! Un tifoso mi baciò il piede destro…»

klose
© foto www.imagephotoagency.it

Miroslav Klose ha rilasciato una lunga intervista, nel corso della quale si è soffermato su alcuni aneddoti legati alla Lazio

Miroslav Klose ha vestito la maglia con l’aquila sul petto dal 2011 al 2016, collezionando 139 presenze e 54 gol. I tifosi della Lazio non hanno mai dimenticato la sua professionalità, la sua classe ed il suo inestimabile talento. Anche il ‘Panzer’, però, ha tenuto ben custoditi nel proprio cuore alcuni aneddoti legati alla sua esperienza in biancoceleste. Ai microfoni di Stern.de, ne ha raccontato qualcuno: «A Roma ho conosciuto la parola ‘serenità’. Ho bevuto anche il vino lì, non avevo quasi mai toccato l’alcol fino a quel momento. Sono diventato un esperto di vino. Racconto questa per far capire come vivono il tifo a Roma. Una mattina suonò il corriere a casa, si presentò come un grande fan della Lazio. Mi ha parlato molto, io ho capito poco. Poi alla fine mi ha detto: «Un momento». Si è inginocchiato e mi ha baciato il piede destro». 

UMILTA’«Con la Lazio spesso raccoglievo i palloni a fine allenamento. Per me era una cosa normale, non lo facevo per dimostrare agli altri che ero più diligente di loro. Ci sono molti giocatori che cercano di evitare in tutti i modi di farlo. Io non sono mai stato uno di questi. Generalmente sono sempre stato abituato al fatto che gli allenatori assegnano penalità se manca un pallone dopo l’allenamento. Nella mia testa si accende sempre la lampadina di allarme: non deve mancarne nemmeno uno».