LAVAGNA TATTICA – Patric, Strakosha e la precisione nell’uscire da dietro

lazio patric strakosha
© foto www.imagephotoagency.it

Anche grazie a Strakosha, la Lazio palleggia benissimo da dietro. Si è visto anche contro il Bologna di Mihajlovic

(Di Jacopo Azzolini) Si sintetizza la Lazio come una squadra di ripartenza che attacca in spazi larghi. In questa stagione, però, i biancocelesti si sono evoluti molto tatticamente. Sanno gestire il possesso in modo più paziente, con uscite dal basso eccezionali. Si tratta di una squadra che palleggia molto bene da dietro, che attira gli avversari in pressing per poi creare superiorità numerica alle spalle, negli spazi che si vengono a creare.

Ciò si è visto con evidenza contro il Bologna. Anche negli ultimi minuti, i biancocelesti sono stati fedeli ai propri principi, palleggiando dal basso. In queste situazioni, la Lazio coinvolge tanto i difensori quanto il portiere, con Strakosha che è cresciuto molto in questo aspetto. Un esempio nella slide sopra, quasi nei minuti di recupero: dopo un palleggio elaborato da dietro, si verticalizza per Milinkovic-Savic che viene incontro. Il serbo apre alle propria sinistra per Patric, che legge in anticipo la giocata e si butta dentro. La Lazio supera così il pressing avversario.