Lazio-Fiorentina 0-2, Jovetic e Ljajic stendono i biancocelesti

© foto www.imagephotoagency.it

La Lazio cade tra le mura amiche sotto i colpi della Fiorentina che sbanca l’Olimpico 2-0 con le reti realizzate da Jovetic nel primo tempo e da Ljajic in apertura di ripresa. A fronte di poche occasioni da gol i viola hanno capitalizzato al massimo le chance concesse dai biancocelesti. La Lazio ha provato a reagire più con l’orgoglio che con la testa, ma è rimasta invischiata nelle trame di passaggi ordite da Montella e messe in pratica in maniera egregia da Borja Valero e Pizarro, fari della squadra viola in grado di illuminare il gioco. Nella Lazio pesa l’assenza di Candreva e l’ennesima prova opaca di Hernanes. In affanno anche Ledesma. Discutibile qualche scelta di Petkovic in avvio, la Lazio paga ancora una volta la sterilità offensiva. Il gol subito a freddo in avvio di ripresa ha complicato in maniera sensibile i piani di rimonta biancocelesti. La Fiorentina non ha avuto difficoltà ad amministrare il doppio vantaggio resistendo alle folate offensive laziali e controllando il match fino al fischio finale. Dopo questa sconfitta le speranze di terzo posto per i viola subiscono un prepotente rilancio. Colano a picco invece quelle della Lazio, che in campionato non riesce più a trovare la continuità che le permetterebbe di rimanere aggrappata al treno Champions. Adesso per Petkovic e i suoi uomini è tempo di fare quadrato e concentrare gli sforzi sulla partita con lo Stoccarda.

PRIMO TEMPO

La gara inizia con un’occasione interessante per Floccari che al 3′ non riesce ad anticipare Gonz Rodriguez. All’8′ si vede la Fiorentina: Jovetic ha una grande occasione su un traversone di Pasqual, ma il montenegrino conclude fuori. La lazio soffre sulla corsia di destra. Altro squillo dei viola al 14′ con una forte conclusione di Cuadrado da fuori area. Marchetti blocca sicuro. La squadra di Montella gradualmente aumenta il ritmo e al 19′ passa in vantaggio: Jovetic da fuori area batte Marchetti con un preciso destro rasoterra. Splendido il velo di Borja Valero che favorisce la conclusione dell’attaccante viola. La Fiorentina diventa padrona del campo. Troppa libertà per Borja Valero e Pizarro. Dopo il gol Petkovic corre ai ripari e dirotta Ederson alle spalle di Floccari, allargando Gonzalez a destra. Alla mezz’ora altra occasione per i viola: sugli sviluppi di corner Jovetic si ritrova il pallone tra i piedi, tira ma Lulic devia in angolo. Al 36′ Lulic, il migliore dei laziali, effettua traversone rasoterra in area per Floccari che conclude ma trova la deviazione in angolo della Fiorentina. Occasionissima per la Lazio al 37′: Andrè Dias si divora il pallone dell’1-1, s che cicca il pallone dopo un’azione insistita della Lazio. Lulic migliore, 43′ sgroppata fenomenale getta scompiglio, serve Gonzalez ma l’uruguagio strozza il tiro. Nulla di fatto. La Lazio, con la forza dei nervi chiude in attacco il primo tempo.

SECONDO TEMPO

Petkovic sostituisce uno spento Ederson con una bestia nera dei viola: Libor Kozak a segno in 3 occasioni contro i toscani. La Fiorentina ricomincia in attacco e trova immediatamente il secondo gol: dopo 4′ Ljajcic batte Marchetti sul suo palo con una punizione dal limite. Il portiere laziale ci mette del suo valutando male la traiettoria del serbo. Lazio sotto 2-0. Al 56′ ci prova Hernanes su calcio piazzato, Viviano si rifugia in angolo. Un Profeta opaco e nervoso lascia il campo a Onazi. Al 59′ grande occasione per Floccari che sfrutta un rinvio corto di Savic, si coordina bene e calcia, ma Viviano devia in angolo. Si rivede Mauri che prende il posto di Ledesma. Dopo aver subito il ritorno della Lazio la Fiorentina riprende a palleggiare con grande classe imbrigliando i biancocelesti con una fitta rete di passaggi. Floccari ha l’ultima chance di accorciare le distanze al 90′ ma Viviano nega anche il gol della bandiera. I viola mantengono alta la concentrazione e restano in controllo del match fino al fischio finale di Gervasoni. Adesso sono soli al quarto posto.

Articolo precedente
Eurorivali, lo Stoccarda perde in casa con l’Amburgo
Prossimo articolo
Jovetic: “Abbiamo giocato meglio della Lazio in questa dura battaglia”