Inzaghi: «Cagliari squadra insidiosa. Formazione? Sicuri del posto Parolo e Luis Alberto, poi…»

© foto www.imagephotoagency.it

Simone Inzaghi ha presentato la gara di domani tra Cagliari e Lazio, nel corso della consueta conferenza stampa

Nel pomeriggio la Lazio volerà per Cagliari, dove domani alle 15 è prevista la sfida contro gli uomini di Diego Lopez (QUI la conferenza). I biancocelesti vogliono riscattarsi dopo gli ultimi risultati negativi, dall’eliminazione di Coppa Italia fino al pareggio di giovedì contro la Dinamo Kiev. Per farlo domani è obbligatorio vincere. Alla vigilia di questa partita, Simone Inzaghi, è intervenuto in conferenza stampa:

Momento più delicato della stagione?

«È un momento importante, adesso mancano tre partite per arrivare alla sosta e dovremo tirare fuori tutte le energie che abbiamo. Abbiamo tre sfide importanti tra Cagliari, Dinamo Kiev e Bologna»

In questo momento la squadra è appesantita dal fatto che le buone prestazione non corrispondo in vittorie?

«Senz’altro. Le vittorie aiutano a lavorare meglio. Veniamo dalla partita contro la Dinamo dove nel secondo tempo dovevamo fare di più. Dopo un buon primo tempo, dove siamo stati una squadra, nel secondo ci siamo allungati e abbiamo concesso tanto. Dobbiamo fare di più, già da domani a Cagliari»

Hai parlato con de Vrij? 

«Semplice problema burocratico. La prossima settimana si risolverà nel migliore dei modi, non c’è nessun problema»

Possibile un cambio di modulo?

«Si fa sempre in tempo a cambiare. L’anno scorso eravamo all’inizio di un ciclo, e siamo partiti tra mille titubanze, per questo cambiavo di più. I ragazzi hanno trovato certezze,  hanno intrapreso un buon cammino in campionato. Siamo l’unica squadra ad aver vinto un trofeo. Sono contento che fa notizia se la Lazio non vince da tre partite. Veniamo da una serie di risultati negativi ma non vedo una squadra in calo, ma una squadra che nelle ultime tre di campionato ne ha vinte due e persa una contro la Juve. Non dimentichiamo che contro la Juve ci è stato negato un rigore. Adesso testa al Cagliari, domani dovremo fare una partita importante contro una squadra in salute»

Cagliari?

«L’ultima non ha giocato a Genova per la vicenda Astori. Colgo l’occasione per rivolgere le condoglianze ai cari di Davide. Conosco Diego Lopez, che ha fatto il corso con me a Coverciano. E’ molto preparato. Hanno avuto tempo per preparare la partita. Dovremo fare una gara di umiltà e dare il 110%. Solo così potremo uscire dal campo con un risultato positivo»

Qualche cambio di formazione?

«Sicuramente giocheranno Parolo e Luis Alberto. Stanno bene, anche perchè giovedì hanno riposato. Valuterò la situazione degli altri. Sapendo che quelli che entreranno in campo dovranno dare il 110%»

Perchè contro la Dinamo hai scelto di non far giocare Parolo e Luis Alberto?

«Non ho fatto giocare Parolo e Luis Alberto perchè hanno giocato tanto. Murgia ha fatto bene contro il Sassuolo e meritava di giocare giovedì. Credo che far giocare sia Felipe che Luis Alberto sia difficile. Per avere maggiore equilibrio ogni tanto bisogna fare delle scelte. Questa volta ho optato di lasciar fuori Luis Alberto. Di volta in volta bisogna prendere delle scelte sempre per il bene della Lazio»

Turnover per domani?

«Non ho ancora deciso la formazione di domani. C’è qualche giocatore che ha avuto mezza giornata di riposo in più rispetto agli altri. Sono tutti convocati ad eccezione di Marusic e Caceres».

Come sta Lulic?

«E’ ristabilito, ha avuto 3-4 giorni di influenza pesante. Stamattina si è allenato bene. Penso possa giocare anche lui, però deve recuperare energie. Domani gli parlerò e vedremo se potrà giocare»

Lotta Champions, quanto pesa la gara di domani?

«Tutte le partite sono importanti, sappiamo che incontreremo un Cagliari che da 15 giorni prepara questo match. Dovremo fare attenzione a questa partita perchè sappiamo che il Cagliari in casa dà il meglio di se stesso»

Articolo precedente
derbySerbia, i convocati di Krstajić: ci sono Basta e Milinkovic
Prossimo articolo
miceliPrimavera, la rabbia di Miceli: «Alcuni ridono e scherzano, ma la situazione è grave!»