Inzaghi: «Sono contento dei ragazzi. Mercato? Stanno lavorando per me…»

inzaghi giovani
© foto www.imagephotoagency.it

L’analisi del tecnico biancoceleste Simone Inzaghi al termine della gara tra Lazio e Novara

Una vittoria bella e importante di buon auspicio per questo nuovo anno. Ecco le parole del mister dei biancocelesti Inzaghi ai microfoni della Rai al termine del match: «Ho chiesto ai ragazzi una grande prova di concentrazione, sono entrati con lo spirito giusto abbiamo vinto meritatamente sappiamo che una volta passati i quarti potremmo già essere in semifinale siamo in un buon momento giochiamo bene a calcio quindi sono soddisfatto. Nel secondo tempo l’unica pecca è stata quella di non concretizzare, abbiamo subito 3 gol su rigore nelle ultime 5 gare, oggi mi sarebbe piaciuto non subirlo, c’è rammarico di non aver trovato il gol ma sono contento anche di chi è subentrato, ho raccolto cose positive da questa gara». 

Mercato –  «Badelj ha chiesto la cessione? Nessuno mi ha chiesto di essere ceduto, tutti vorrebbero giocare ma io ho 26 giocatori e 3 portieri, mi spiace a volte dover mandare qualcuno addirittura in tribuna e non poterlo farlo allenare con la squadra ma siamo tanti. Qualche giocatore in più vedremo se riusciremo a piazzarlo, ho un gruppo di veri professionisti ma da allenatore devo fare delle scelte. Con la società c’è un continuo confronto, so che stanno lavorando per me spero che possa arrivare qualcosa a seconda di chi esce. Se faremo qualcosa lo faremo per migliorarci perché è l’obiettivo di tutti quanti. Ho la fortuna di avere un giocatore come Lulic che sta facendo grandissime cose, è abituato a giocare a sinistra ma all’occorrenza potrei utilizzarlo a destra senza dimenticare Patric che ha sempre fatto il suo dovere e a sinistra Lukaku e Durmisi penalizzati da infortuni ma che ora stanno tornando e hanno fatto bene entrambi oggi».

Rigore – «Da quest’anno stanno dando tutti determinati rigori bisogna fare in modo che qualcosa cambi perchè questo costringe i difensori ad affrontare gli avversari con le mani dietro la schiena, devono cambiare le regole è un problema degli ultimi due anni che ci portiamo dietro. Purtroppo se sei sullo 0-0 e al 92’ ti danno contro un rigore del genere ti penalizza. Stiamo migliorando, nell’ultimo mese e mezzo abbiamo disputato ottime gare, sappiamo che ora nel girone di ritorno dovremo correre».

Le parole del mister in conferenza

«Siamo stati un po’ sfortunati in alcune circostanze, ma bravi i ragazzi perchè dopo il periodo fermi non era facile riattaccare partite come questa. Neto? E’ un ragazzo che cresce, un classe 2000, molto giovane ma molto intelligente. Ha grandissime doti tecniche ma penalizzato da tutti i giocatori che ha davanti, avrebbe esordito prima probabilmente. E’ disponibile con noi e lo staff, ha meritato l’esordio. Inter? Aspettiamo prima il match col Benevento. Turnover? Decido di volta in volta e faccio quello che mi sento, non giocavamo da 15 giorni, da martedì inizieremo la settimana normale per arrivare a Napoli. Era giusto riattaccare la spina nel modo migliore. Lukaku e quinto di destra? Io l’ho detto, con la società c’è un continuo confronto, potremo integrare se uscirà qualcuno. Luaku e Durmisi sono ottimi giocatori che non ho potuto usare, ho la fortuna di usare Lulic che ormai a sinistra è casa sua e potrei anche usarlo a destra. Lì ho anche Patric che ha sempre dato il massimo per la Lazio». 

Le parole del mister a Lazio Style Channel

«I ragazzi sono stati bravi, avevo chiesto concentrazione: c’era soprattutto da perdere, hanno interpretato la partita da subito. Ai quarti ci penseremo a tempo dovuto, probabilmente arriverà l’Inter ma la testa è al campionato. Napoli? dobbiamo esser pronti per forza, i ragazzi hanno ricominciato nel migliore dei modi, si sono presentati da lunedì col piglio giusto, abbiamo fatto una partita concentrata oggi e ottimi gol. Durmisi? Ho ricevuto ottime risposte così come da Neto e chi è entrato dopo, sono professionisti che danno il massimo quando vengono chiamati in causa. Difesa a 4? Io so che ho la possibilità di poter giocare anche così, in quel momento ho optato per quella soluzione ed è andata bene, so che posso giocare anche così»

Articolo precedente
rodiaIl dott. Rodia: «Marusic sarà valutato, ma siamo ottimisti. Correa invece…»
Prossimo articolo
diaconaleDiaconale agli organi d’informazione: «Cori razzisti? Noi vittime di una psicosi mediatica»