Inzaghi: «La Lazio e Immobile faranno ancora parlare di loro. Sul rinnovo…»

lazio inzaghi
© foto Inzaghi

Simone Inzaghi – dopo la sconfitta della Lazio per mano del Napoli – è intervenuto sulle varie emittenti per commentare la gara

Il tecnico della Lazio Inzaghi ha parlato a SkySport dopo la sconfitta di Napoli.

«Animi accesi? Spiace perché non volevamo finire quarti, sapevamo che l’Atalanta perdeva e volevamo il terzo posto. Sono molto tranquillo, chiudiamo quarti ma sicuramente potevamo arrivare più in alto per dove eravamo prima della sosta. Nulla toglie al campionato da record che abbiamo fatto. Cosa ci serve sul mercato? Sarà difficile, abbiamo lasciato dietro Napoli, Milan e Roma, ma da 4 anni siamo insieme e dobbiamo migliorarci dove potremo, di fare un ottimo cammino in Champions e ripartire in modo giusto. Lite con Gattuso? Non c’è nessun problema, capita, se ne sono visti tanti di scambio di opinioni, c’erano collaboratori che si scambiavano animatamente opinioni. Il contratto? Dovevamo finire il campionato, ora ci sarà tempo per parlarne. Venivamo da 3 vittorie di fila perché eravamo tornati ad avere rotazioni, eccetto Lulic, Leiva e Radu.

Non siamo stati quelli del pre-lockdown, il primo tempo lo abbiamo fatto bene contro una squadra forte, loro sono agli ottavi di Champions. Nella ripresa dovevamo entrare in modo diverso, con un pari saremmo arrivati terzi. Ci incontreremo con direttore e presidente e vedremo quello che succederà. Tenevamo al secondo posto, il rammarico più grande che mi porto dentro è che nella settimana di Bergamo siamo andati ad affrontare l’Atalanta senza 5 titolari, ne abbiamo risentito nella ripresa con la Dea. Lì abbiamo sofferto e non avevamo cambi, Marusic per noi è un calciatore determinante che avrebbe potuto darci una alternativa, il rammarico è quello di non aver potuto affrontare la ripresa alla pari con le altre».

Simone Inzaghi a Lazio Style Radio

«Questa sconfitta non toglie nulla alla nostra stagione. Giocavamo contro una squadra forte come il Napoli, siamo stati bravi tenendo bene dietro. Il rigore del 2-1 ha cambiato i nostri piani, dispiace arrivare quarti a causa degli scontri diretti. Adesso la squadra si riposerà, con la speranza che il prossimo campionato sia diverso da questo, con 12 partite ravvicinate che hanno provocato tanti infortuni.

Abbiamo bisogno di staccare, dopo un campionato intenso: i ragazzi lo meritano. Sono orgoglioso del mio record di panchine, mi dà un grande onore. L’auspicio è fare tante altre panchine e ripetere un’altra stagione a questi livelli, anche se non sarà facile».

Le parole del mister in conferenza stampa

«Dopo il lockdown abbiamo avuto molti infortuni che ci hanno impedito le fondamentali rotazioni. Questa sera abbiamo fatto bene, contro una squadra forte: purtroppo il rigore del 2-1 ha cambiato i nostri piani. Volevamo migliorare la nostra classifica, è stata una partita vera per onorare il campionato. Siamo orgogliosi della stagione fatta, conclusa con i record di Immobile: Ciro li merita per la dedizione per il lavoro e la Lazio.

La prossima stagione ricominceremo con la solita voglia di fare bene, sapendo che le squadre ora alle nostre spalle cercheranno di migliorarsi. Daremo tutto per far continuare a parlare di noi. Sono sicuro che la Lazio e Immobile faranno ancora parlare di loro».