Connettiti con noi

Campionato

Gila: «Nesta il mio riferimento, ho voluto fortemente Sarri e la Lazio»

Pubblicato

su

Conferenza stampa Gila: le parole LIVE del difensore della Lazio che si presenta a tifosi e giornalisti

Ultima giornata di presentazione dei nuovi acquisti in casa Lazio. Dopo Nicolò Casale, Matteo Cancellieri, Matias Vecino e Alessio Romagnoli, oggi è la volta di Mario Gila, Marcos Antonio e Luis Maximiano che dalla sala stampa a Formello si presenteranno a tifosi e giornalisti. Lazionews24.com seguirà LIVE le dichiarazioni dei tre giocatori. Di seguito le parole del difensore spagnolo.


COSA PORTI A ROMA – «Esperienza molto bella con il Real Madrid, ma sono contento di essere in un club altrettanto grande e porto qui la coscienza di essere ambizioso e voler lavorare molto. Ringrazio il presidente, il tecnico e il diesse che mi hanno voluto alla Lazio».

ANCELOTTI – «Ancelotti mi ha trasmesso un sentimento italiano, ma venire qui è stata una mia decisione perchè volevo giocare con Sarri e con questa maglia. Uno dei motivi che mi ha portato qui è l’ambito tattico, in Spagna manca. C’è un’ambizione difensiva differente».

RIFERIMENTI A CUI ISPIRARSI – «Nesta è il mio modello, un riferimento per tutti i centrali e per tutti i difensori».

ALTRI SPAGNOLI – «Non ho parlato con nessuno, ma le sensazioni erano positive e avere altri spagnoli è sicuramente un modo per rendere le cose più semplici. L’accoglienza di tutti, però, si è fatta sentire».

COME SI PRESENTA – «Con il Real Madrid in prima squadra ho fatto due partite, quindi mi sento uno del Real Madrid Castilla. Io sono qui per crescere, maturare e migliorare. Questo mi motiva molto».

COSA RAPPRESENTA LA LAZIO – «Un salto molto grande, mi motiva molto. Il Real Madrid è una squadra speciale, enorme, ti trasmette il sentimento della vittoria. Essermi allenato lì è stato un privilegio».

LAVORO CON SARRI – «Sono un giocatore molto fisico, rapido e potente. Quello che manca nella Liga è l’aspetto tattico nella fase difensivo, cosa su cui Sarri lavora molto».