Fiore: “Lazio, credi nella Coppa. Arcidiacono? Punizione esagerata”

© foto www.imagephotoagency.it

Ai microfoni di Radio Mana Mana Sport, durante la trasmissione “La Lazio Siamo Noi”, è intervenuto l’ex centrocampista biancoceleste Stefano Fiore: “La Lazio attraversa un buon momento ma deve assolutamente pensare di poter andare avanti in Europa League. La qualificazione è un obiettivo alla portata dei biancocelesti, se la dovessero centrare ogni gara farà storia a sé. Potrà succedere di tutto. Anche la mia Lazio, con Roberto Mancini in panchina, arrivò in semifinale di Coppa Uefa venendo eliminata dal Porto di Mourinho solo per aver sbagliato la partita d’andata”. Fiore ha poi espresso un giudizio sulla nuova guida tecnica della Lazio: Petkovic è un ottimo allenatore, deve continuare così cercando di cambiare il meno possibile e puntando sulla solidità del gruppo.

Fino a qualche tempo fa, Fiore ha ricopoerto l’incarico di ds del Cosenza nel Campionato Nazionale Dilettanti, al momento però quest’avventura si è interrotta per alcune divergenze con la dirigenza: “Lavorare nel Cosenza è stata un’ottima palestra per la mia carriera professionale. Oltre al cuore, nel mio ruolo da ds, spero di mettere qualità ed esperienza. La vicenda Arcidiacono? Un caso assurdo. Sono realmente amareggiato per l’eccessiva severità della punizione afflitta al ragazzo. Probabilmente il miglior talento di tutta la serie D, punito solamente per aver esposto una maglia di solidarietà verso un suo amico senza offendere nessuno. Il nostro ricorso, presentato contro la squalifica dell’attaccante fino a luglio, è stato respinto. Attendiamo giustizia, non mi spiego come mai sanzioni per episodi ben più gravi siano state ridotte o annullate e questa no”.

Articolo precedente
Lazio-Pescara, arbitra Romeo: bilancio negativo con il fischietto veneto
Prossimo articolo
Galliani: “Ora Inter e Lazio…”