Connettiti con noi

Hanno Detto

Olimpico intitolato a Paolo Rossi, la moglie: «Lui è innocente»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Federica Cappelletti, moglie di Paolo Rossi, è tornata sulla possibilità di intitolare l’Olimpico al marito defunto: le sue parole

In una lunga intervista concessa a Repubblica, Federica Cappelletti, moglie di Paolo Rossi, è tornata a parlare della possibilità che l’Olimpico venga intitolato all’ex centravanti della Nazionale. Le sue parole:

«Tengo a sottolineare: Paolo in vita sua non ha mai chiesto, né preteso niente. È sempre stato uno fuori da tutto. L’idea è partita da RaiSport dove Paolo aveva lavorato ed era apprezzato, poi è stata accolta da Gravina, presidente Figc, e da Infantino, presidente Fifa. Mi dispiace molto che si strumentalizzi il nome di Paolo, perché lui non può difendersi e ne avrebbe provato dolore».

OLIMPICO – «L’Olimpico non è né della Roma né della Lazio, che tra l’altro da tempo vogliono trasferirsi in impianti di loro proprietà. Non c’è nessuna imposizione. L’idea dell’intitolazione è nata in base alla consapevolezza che lo stadio è dello Stato, quindi dell’Italia, ed è quello dove la Nazionale ha giocato di più. Altrimenti nessuno si sarebbe sognato di avallare quest’idea che è venuta per ricordare un giocatore che ha saputo dare emozioni a tutti, senza distinzioni locali. Mi sembra che nell’82 anche i cittadini di Roma abbiano gioito per i successi dell’Italia trascinata da Rossi, che non era nato in città e che non giocava per una delle sue squadre. Pieno rispetto per i club e le tifoserie, alle quali chiedo però lo stesso trattamento per la memoria di Paolo».

ESTERO – «Vero. Infatti la dicitura Olimpico resterebbe. Diventerebbe Olimpico Paolo Rossi. Dal nome di un giocatore famoso che ha molto vinto e che ha rappresentato l’Italia in tutto il mondo. È un omaggio che non cancella il passato e non fa ombra al futuro. Credo che all’estero sia diverso, morti e vivi vengono ricordati per quello che hanno significato nello sport. Prevale il sentimento collettivo, la memoria condivisa, il fatto che uno abbia saputo rappresentare tutti. Da noi tutto finisce per avere un’altra sponda, per irritare e ferire gli animi, sono circolate parole pesanti, spero invece si riesca a trovare un accordo, un’unità. Nessuno di noi della famiglia un giorno si è svegliato e ha detto vogliamo l’Olimpico, questo deve essere chiaro. Però a leggere certe cose ci si resta male, soprattutto perché Paolo era persona discreta, che non amava disturbare, né considerarsi importante».

MESSAGGI DI APPROVAZIONE – «Se ho ricevuto un messaggi di approvazione? Si. Anche da parte di Falcao e di Zoff e da molti tifosi di Roma e Lazio. Hanno capito che offendere Paolo è sbagliato, non l’ha mica presa lui la decisione. Era un signore, sempre con il sorriso, mai detta una parola contro nessuno. C’è anche chi ci ha tenuto a ricordare che era finito nel calcioscommesse, come a dire che uno così delinquente non si merita uno stadio. Ma Paolo era innocente, ha pagato, senza sconti, per una cosa non fatta. Fossi stata con lui allora, avrei ribaltato il mondo per provarlo, e lo dimostreremo nel docufilm di Walter Veltroni, perché su questo punto deve avere giustizia. Paolo ha sofferto come un cane fino alla fine, lasciamolo riposare».

STADIO MARADONA – «A Napoli hanno cacciato un santo (San Paolo)per dedicarlo a un grande calciatore che ha saputo interpretare lo spirito della città e portarla allo scudetto. Giusto così. Non mi pare ci sia stata l’obiezione: però Maradona era un ex drogato. Non voglio la guerra dei Rossi, non una guerra nel nome di Paolo. Se dobbiamo arrivare alle armi, anche no. Le liti, le polemiche sono l’opposto di quello che era Paolo. Lui voleva unire non dividere, far provare gioia e rendere sereni tutti. Anche come uomo. Non dimentichiamo che è grazie a lui e alla Nazionale che nell’82 l’Italia rialza la testa, si riscatta e trova un sentimento comune. Queste baruffe non gli rendono merito. Se c’è la voglia di dargli una carezza e di mostragli affetto grazie a tutti, altrimenti finisce qui».

Advertisement

News

Advertisement