Connettiti con noi

Campionato

Farris: «Partita di grinta e sacrificio. Caicedo? Chiffi poteva lasciar correre» – VIDEO

Lavinia Labella

Pubblicato

su


Massimiliano Farris, vice tecnico della Lazio, ha parlato nel post partita del match contro il Verona: le sue dichiarazioni

Massimiliano Farris, vice tecnico della Lazio, ha parlato nel post partita del match contro il Verona. Le sue dichiarazioni A DAZN:

SULLA VITTORIA DI OGGI – «Avevamo creato diversi episodi. Queste partite non le vinci con una sola occasione. Al di là del gol, ne abbiamo create molte, come il gol di Caicedo. La squadra ha giocato con il cuore, disposta a soffrire e a limitare le ripartenze avversarie. L’abbiamo giocata esattamente come l’abbiamo preparata e dal punto di vista caratteriale è una delle nostre vittorie. Sono contento di stare qua e di aver vinto oggi. Simone a casa sta bene e sono contento di dedicargli questa vittoria».

SUL VERONA – «Mi manca la voce come succede di solito a Simone. Il Verona non ti regala niente e noi oggi siamo riusciti a limitare qualsiasi loro occasione e siamo stati bravi a rubare palla e ad essere pericolosi. Abbiamo cercato l’episodio e siamo riusciti a trovarlo».

SU MILINKOVIC – «Noi volevamo la fisicità di Milinkovic sulle seconde palle e lui non doveva assumere la posizione da attaccante, ma quando giochiamo sugli esterni la sua presenza in area è sempre pericolosa. Lui sa dove andare e dove posizionarsi: il gol che ha fatto oggi è veramente bello».

SU IMMOBILE – «Ciro con tutto quello che ha fatto questi anni per la Lazio si fa volere bene dai compagni. Oggi è stato sfortunato, prendendo un palo: ma ha anche ritrovato una gamba importante, tenendo botta con i difensori avversari. Ci mancano i suoi gol, ma per la volata Champions ci serviranno».

SUL GOL DI CAICEDO – «Ci può stare la sbracciata per il gol di Caicedo, ma il metro di giudizio di Chiffi è stato di lasciar correre per tutta la partita. Magnani lo ha trattenuto per 10 secondi e non è successo niente. Per il suo metro di giudizio poteva lasciar correre, ma alla fine non è stato così».

Farris a Lazio Style Channel

GARA – «La squadra ha tenuto ritmo ed aggressività, il rischio è quello di costruire con loro che aspettano solo di punirti. Siamo stati bravi a limitare le ripartenze, tipo quando Marusic ha ripreso Lasagna e non era facile. Oggi tutti hanno fatto quel che si era preparato, la voglia e il cuore e la determinazione… La dice lunga sullo spirito della squadra adesso».

INZAGHI – «Simone ha fatto la videochiamata allo spogliatoio alla fine, la Lazio ha vinto come voleva Inzaghi. Siamo uno staff unito e compatto, ha guardato la partita, io dovevo mantenere la squadra sveglia e cattiva, i ragazzi sono stati fantastici. La vittoria è stato un urlo liberatorio perchè abbiamo sempre cercato quel qualcosa in più per vincere da Lazio, con sofferenza e lucidità».

IMMOBILE – «Ha fatto una gara straordinaria, ha attaccato la profondità, ha fatto tutto quel che doveva. Noi vogliamo questo Ciro, sa quanto tutti gli vogliono bene, ma deve stare sereno».

Farris in conferenza stampa

«Oggi volevamo portare palloni puliti agli attaccanti con le palle basse e l’aiuto degli interni. Immobile? Ciro mi è piaciuto molto, ha fatto la partita di sacrificio che gli avevamo chiesto, lottando su ogni pallone. Non è stato fortunato in occasione del palo, stiamo ritrovando il nostro bomber che ci servirà per la volata finale. Caicedo? Mi è dispiaciuto molto per il suo gol annullato, soprattutto per il giallo che gli impedirà di essere presente contro il Benevento. L’arbitro Chiffi ha lasciato spesso giocare, mi è dispiaciuto per la bella azione vanificata.

Inzaghi? Questa vittoria è per lui, la tecnologia ci ha permesso che fosse presente per tutta la settimana. Simone, nonostante tutto, è rimasto vicino alla squadra fino all’ultima riunione ed ha poi interagito con lo staff in tribuna. Ci conosciamo da cinque anni, quindi ci capiamo al volo. Questa quarta vittoria consecutiva dimostra alle squadre davanti che noi ci siamo e che giochiamo sempre con il cuore. Questa è una vittoria che vale doppio».

 

Advertisement
Advertisement

Facebook

Advertisement