Due ex laziali tra i 10 allenatori più giovani d’Europa

© foto www.imagephotoagency.it

La stagione 2016-2017 sta mettendo in mostra il talento di Julian Nagelmann, il 28enne tedesco che da questa stagione è alla guida dell’Hoffeneim. Dopo stagioni di anonimato Die Blau stanno tornando a lottare per le coppe europee e il merito è soprattutto di questo ragazzo che non ha ancora 30 anni ed è già stato ribattezzato il ‘Baby-Mourinho’ della Bundesliga. Nagelmann è il tecnico più giovane di Germania, ma non solo, il suo primato è Europeo.

 

Affidare la panchina del proprio club ad un profilo giovane e preparato è un trend sempre più in voga tra i presidenti, e a tal proposito il sito della UEFA ha stilato la top 10 dei tecnici meno attempati del Vecchio Continente. Sul secondo gradino del podio si accomoda il portoghese Vasco Seabra, nato il 15 settembre del 1983, tecnico dell’FC Paços de Ferreira poco più di un mese fa, vincendo due partite su cinque nella Liga portoghese. Al terzo posto Yannick Ferrera, belga d’origini spagnole che allena il Mechelen e ha 36 anni.
La top 10 annovera anche due volti familiari ai tifosi biancocelesti, ossia Massimo Oddo (40 anni), tecnico del Pescara, e Sergio Conceiçao, allenatore del Nantes.

Allenatori più giovani d’Europa*
*sono stati selezionati i più giovani di ciascuno dei primi dieci campionati d’Europa in base al ranking UEFA

1. Germania: Julian Nagelsmann (TSG 1899 Hoffenheim) 29 anni
2. Portogallo: Vasco Seabra (FC Paços de Ferreira) 33 anni
3. Belgio: Yannick Ferrera (KV Mechelen) 36 anni
4. Ucraina: Roman Monaryov (Zirka Kropyvnytsky) 36 anni 
5. Turchia: Igor Tudor (Kardemir Karabükspor) 38 anni 
6. Inghilterra: Edward Graham Howe (Bournemouth) 39 anni
7. Russia: Viktor Goncharenko (CSKA Mosca) 39 anni
8. Spagna: Marcelo Romero (Málaga CF) 40 anni 
9. Italia: Massimo Oddo (Pescara) 40 anni 
10. Francia: Sérgio Conceição (Nantes) 42 anni 

Articolo precedente
morrisonWigan, problemi per Powell: prende quota la candidatura di Morrison
Prossimo articolo
Corradi: «Ho lasciato l’Italia troppo presto, ma dovevamo salvare la Lazio»