Calciomercato Lazio - Alla ricerca del vice Immobile: l'identikit tracciato da Tare - Lazio News 24
Connettiti con noi

Calciomercato

Calciomercato Lazio – Alla ricerca del vice Immobile: l’identikit tracciato da Tare

Pubblicato

su

Calciomercato Lazio – Tare traccia l’identikit dell’attaccante che dovrà essere acquistato: ecco i nomi che propone il panorama europeo

Il calciomercato della Lazio si concentrerà sulla ricerca di una prima punta, l’identikit è stato già tracciato. Giovane, forte fisicamente e nel gioco aereo, proveniente da un club estero. Un centravanti con caratteristiche diverse da Ciro Immobile, che possa essere in grado di sostituirlo ma anche di affiancarlo. Difficile scoprire in anticipo gli obiettivi, ma il mercato della Lazio è già partito da tempo sotto traccia. Il ds Tare si è messo all’opera sottotraccia, deve riuscire a sostituire Filip Djordjevic (in scadenza 2018) e trovare un’alternativa di livello nella prossima stagione, in cui probabilmente bisognerà far fronte agli impegni di Europa League. Il Corriere dello Sport segnala diversi profili, alcuni conosciuti e con un target elevato, altri meno altisonanti ed emersi nelle ultime ore. Possiedono in larga parte le caratteristiche richieste dai capitolini, possono completare il reparto e aumentare la forza offensiva della squadra. E’ ancora presto per dire se siano obiettivi reali, questo però è quanto offre il panorama europeo a cui sta guardando il ds Tare, e al tempo stesso non si possono escludere le piste italiane. A gennaio era stato accostato l’ex milanista Alberto Paloschi (è in uscita dall’Atalanta, ma non ha esattamente la fisicità cercata da Tare), si è parlato di Andrea Petagna, nelle ultime ore è riemersa pure la candidatura di Gianluca Lapadula. Lotito l’anno scorso lo aveva trattato con il Pescara, l’esperienza al Milan potrebbe essersi conclusa in anticipo.

FLORIN ANDONE – Ha compiuto 24 anni l’11 aprile, è romeno e possiede passaporto spagnolo. E’ esploso nella passata stagione realizzando 21 gol nella Segunda Division con il Cordoba, ha impressionato all’impatto con la Liga. E’ una punta moderna, dinamica, non altissimo (1,80 m) ma temibile nel gioco aereo. Il Deportivo La Coruna lo ha acquistato con un prestito oneroso di 2 milioni e ha fissato un riscatto a 5,5 che difficilmente eserciterà a giugno. Quest’anno ha realizzato 8 gol e servito 2 assist in 31 presenze. Appartiene alla You First Sports, stessa scuderia di Luis Alberto, e i suoi agenti già tra gennaio e febbraio ne hanno parlato al ds Tare. Ha esordito nel giugno 2015 e ha già segnato con la nazionale: vanta 13 presenze e 1 gol con la Romania.

ENES ÜNAL – Gioiellino turco del Manchester City, compirà 20 anni tra pochi giorni. E’ esploso quest’anno in prestito al Twente. Per lui parlano i numeri: 17 gol e 4 assist in 29 partite di Eredivisie. E’ alto un metro e 85, possiede buone tecnica e velocità, sotto porta non perdona, può essere impiegato anche da attaccante esterno, ma preferibilmente è un centravanti. Gli osservatori del club inglese lo avevano scoperto quando era ancora un ragazzino nel Bursaspor. Neppure diciottenne già veniva impiegato stabilmente nel campionato turco: 7 gol in 54 presenze. Lo presero nell’estate 2015 e poi lo hanno girato in prestito fino al Twente, dove è esploso. Nei giorni scorsi ve ne avevamo parlato in esclusiva, il Manchester City avrebbe chiesto 10 milioni di euro per il suo cartellino. Il suo contratto con gli inglesi scade nel 2019.

NICOLAI JORGENSEN – Nato a Fredericia, in Danimarca, ha compiuto 26 anni a gennaio. E’ un centravanti atipico perché abbina all’altezza considerevole (un metro e 90) le qualità tecniche e i colpi del trequartista. La visione del gioco e la fisicità gli permettono di farsi valere in area come sponda e terminale. Il suo percorso è stato lungo e faticoso: si era fatto apprezzare in Danimarca con l’Akademisk, poi si trasferì in Bundesliga al Bayer Leverkusen, ma l’esperienza non andò benissimo (neppure un gol) e soltanto con l’Fc Copenaghen è riuscito a maturare e mettersi in evidenza, conquistando la nazionale. Faceva più assist che gol. L’estate scorsa il trasferimento al Feyenoord e in Eredivisie è riuscito finalmente a consacrarsi: 19 gol e 13 assist in 29 presenze più altre 2 reti in Europa League sono il suo bottino.

VINCENT JANSSEN – Classe ‘94, è un pezzo da novanta con una valutazione di 14 milioni di euro. Il prezzo del suo cartellino è sceso rispetto al riscatto di 22 promesso l’estate scorsa dal Tottenham. Gli Spurs lo avevano prelevato dall’Az Alkmaar, dove era diventato grande protagonista: con 27 gol in 34 partite si era laureato capocannoniere di Eredivisie. Per alcuni mesi era entrato nel mirino del ds Tare, finendo poi ben presto fuori dalle possibilità di Lotito. Dopo un anno è cambiata la situazione, in Premier non si è ambientato, ha collezionato appena 2 in 24 presenze, e davanti si ritrova un mostro come Harry Kane, difficile da superare nelle gerarchie. Quasi certamente, se dovesse lasciare Londra, cercherà un club che gli offra un posto da titolare.

TALISCA – Ha impressionato tutti nei quarti di Europa League con la doppietta inflitta al Lione giovedì sera, prima di perdere la qualificazione ai rigori. Il brasiliano più di un mese fa era stato accostato alla Lazio. In realtà dovrebbe essere riscattato dal Besiktas e grazie alla visibilità acquisita in Europa la valutazione è destinata a crescere. Non è esattamente un centravanti, ma un trequartista alto un metro e 90, abituato a muoversi da seconda punta. Classe ‘94, è di proprietà del Benfica (20 gol in 78 presenze), ma il suo contratto scade nel 2019 e difficilmente tornerà a giocare per la maglia dei lusitani. E’ stato convocato e ha giocato anche nel Brasile Under 23.

IVAN SANTINI – Compirà 28 anni a maggio, è quindi il meno giovane dei profili presi in considerazione. Nato a Zadar, passaporto croato, gioca nel Caen dove si è messo in evidenza realizzando 13 gol in 30 presenze. Contratto sino al 2019, valutazione di 3 milioni di euro. E’ il classico numero 9 da area di rigore, specialista nel gioco aereo essendo alto un metro e 90. L’ariete croato non ha mai sfondato in modo definitivo, ma si è imposto e ha avuto un buon rendimento girando per l’Europa. L’anno passato vestiva la casacca dello Standard Liegi, con cui ha realizzato 10 gol in 23 apparizioni.

MARIO GRAVANOVIC – 27 anni, è la punta centrale del Rijeka, capolista del campionato croato, dove ha firmato 7 gol e 5 assist in 22 partite. Appartiene alla scuderia Soccer Mondial, il ct Hitzfeld lo ha portato con la nazionale svizzera al Mondiale in Brasile senza mai farlo entrare in campo. Dall’arrivo di Petkovic è uscito dal giro, ma possiede una profonda esperienza e sa a ricoprire più ruoli in attacco. E’ da tenere in considerazione perché appartiene a un club che vanta rapporti ottimali con la Lazio: l’estate scorsa dal Rijeka arrivò Vargic, Elez è in prestito proprio a Fiume.

SEBASTIEN HALLER – 23 anni da compiere a giugno, è il classico centravanti di spiccata fisicità e forte nel gioco aereo. E’ cresciuto con l’Auxerre, in Olanda ha cominciato a segnare a raffica. Due stagioni con l’Utrecht, 17 gol nel passato campionato e altre 13 (più 6 assist) in 30 presenze nell’attuale stagione. Il suo rendimento è stato impressionante con l’Under 21 della Francia: 13 gol in 20 partite. Ha un contratto in scadenza nel 2019 e in estate potrebbe muoversi. Haller era stato accostato alla Lazio, Tare ha sempre negato però l’interesse. Ha una valutazione di 10 milioni di euro.

MARTIN BRAITHWAITE – Compirà 26 anni all’inizio di giugno. E’ danese di origini africane della Guyana. Dal punto di vista tecnico, è una prima punta di movimento, assai veloce e abile nel dribbling, capace di giocare anche sulla fascia sinistra. Fa parte stabilmente della Danimarca. In questo campionato col Tolosa ha realizzato 10 gol in 29 presenze. Era stato accostato alla Lazio nello scorso agosto. L’ultimo prolungamento di contratto risale a settembre, si era appena concluso il mercato, ma la scadenza nel 2019 potrebbe portarlo al trasferimento in estate. Serviranno circa 8 milioni di euro.

RICKY VAN WOLFSWINKEL – Olandese di 28 anni, è alto un metro e 86 e s’è rilanciato al Vitesse dopo aver girato tanto in Europa. I tifosi laziali se lo ricordano bene perché nel settembre 2011 segnò un gol alla formazione di Reja nel girone di Europa League. Si giocava allo stadio Alvalade di Lisbona, finì 2-1 per lo Sporting Lisbona. In quella edizione del torneo Van Wolfswinkel realizzò ben 6 reti in 13 presenze, lo Sporting si arrese in semifinale con il Bilbao. L’olandese in Portogallo realizzò 45 gol, conquistando anche la convocazione in nazionale. Le tappe successive della carriera in Francia con il Saint Etienne, in Premier con il Norwich e nella Liga con il Betis non sono andate altrettanto bene. In Eredivisie con il Vitesse s’è riproposto alla grande: 18 gol in 30 partite di campionato. E’ senza dubbio un centravanti da tenere in considerazione.

Copyright 2023 © riproduzione riservata Lazio News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 46 del 07/09/2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - PI 11028660014 Editore e proprietario: Sport Review s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.