Cagni: «Parole gravi di Martusciello contro la Lazio»

lazio empoli
© foto www.imagephotoagency.it

L’intervista a mister Gigi Cagni che ha commentato l’esito della vicenda Inzaghi e le dichiarazioni rilasciate ieri da Martusciello

Il rinnovo di Simone Inzaghi con la Lazio ha fatto felice tutti, dalla società ai tifosi. E’ una scelta che condivide anche Gigi Cagni. Intervenuto ai microfoni di Radio Incontro Olympia, ha commentato la conferma sulla panchina biancoceleste di Inzaghi e il prossimo approdo di Eusebio Di Francesco sull’altra sponda del Tevere: «Simone se l’è guadagnata sul campo. Tutti lo aspettavamo dopo il primo approccio in quelle sette partite. Di Francesco è giovane ma è molto più esperto, ha vinto un campionato di B. Secondo me sarebbe il tecnico migliore per la Roma. Solo gli italiani, secondo me, sono i più adatti a fare il campionato italiano. Mourinho lo dice sempre, ha imparato qui l’aspetto tecnico-tattico completando tutte le sue grandi qualità». Mister Inzaghi ha chiesto delle garanzie tecniche per essere competitivi anche in Europa: «Se Simone ha firmato avrà avuto delle garanzie di un certo tipo. Qualche sacrificio la Lazio dovrà farlo. Negli ultimi dieci anni si è sbagliato poco e continuerà così. Loro avranno già pensato ai sostituti, la storia parla per loro. Modulo 3-4-1-2 con Felipe Anderson? Parlare adesso di moduli è prematuro. Anderson secondo me può giocare ovunque, da metà campo in avanti, anche se la sua parte difensiva la deve fare per almeno 30 metri. Andando più indietro vengono meno le sue qualità. Potrebbe fare anche il trequartista perché devi avere le misure e la sensibilità nell’ultimo passaggio». Sulle parole poi rilasciate ieri da Martusciello: «Dichiarazioni gravi contro la Lazio. Dimostra che l’allenatore ha peccato di maturità intellettuale. Bisogna sempre accettare il verdetto del campo. La Lazio con il Crotone ha fatto la partita che doveva fare. Non puoi pretendere sempre motivazioni enormi. C’era stato anche un dispendio energetico importante. Non può parlare uno che non vince a Palermo dopo aver fatto risultati a Milano e Firenze. Si renderà conto oggi di aver sbagliato». Infine, Cagni ha spiegato la sua decisione di lasciare il Brescia, squadra che ha condotto alla salvezza in questa stagione: «Non sarò più a Brescia. È stata una cosa ponderata, ho fatto il mio lavoro al meglio. Le motivazioni erano due: dimostrare il mio valore a me stesso e a chi ci descrive come allenatori vecchi. L’altra quella del cuore».

Articolo precedente
Roma, ennesimo scempio contro Paparelli: «Spengo la luce e accendo il razzo» – FOTO
Prossimo articolo
Malaga-LazioKeita vuole solo la Juventus: l’addio è rimandato al 2018?