Brocchi: “Questa Lazio può battere chiunque”

© foto www.imagephotoagency.it

Il guerriero vuole sempre scatenarsi. Il guerriero vuole sempre combattere e lottare per i colori che indossa. il guerriro vuole sguainare la spada tutte le volte che sente il profumo dell’arena. Lontano dal suo speciale “Colosseo” c’è Cristian Brocchi. Il numero 32 biancoceleste, ai box per un infortunio, ha svestito i panni del gladiatore per indossare quelli di commentatore tecnico per Lazio Style Channel e Lazio Style Radio durante il match con il Pescara. Durante questa sua particolare performance Brocchi ha parlato sia delle squadra che del suo recupero. “Sto bene e aspetteremo gli inizi di Marzo per valutare i tempi di recupero, tutto sarà più chiaro quando toglierò questo ferretto che ho nel piede”. Scalpita Brocchi, vorrebbe dare una mano, sa bene che in questo periodo della stagione la sua corsa e i suoi muscoli farebbero molto comodo alla causa laziale.

LA PARITA E LA GIOIA PER LULIC – Da spettatore il mediano laziale ha analizzato il match che ha visto i suoi compagni uscire vittoriosi contro il Pescara elogiando il gol e la prestazione di Senad Lulic: “Un inizio con fatica, eravamo lenti nel giro palla. A centrocampo troppi passaggi laterali senza soluzione che rallentavano le azioni – ha dichiarato a Lalaziosiamonoi –. Poi siamo riusciti a sbloccare il risultato, il Pescara si è aperto e siamo riusciti a verticalizzare di più. Finalmente Lulic? Qui a Roma, quando fai qualche errore eclatante si parla subito di una stagione non esaltante. Senad ha avuto momenti migliori, ma ci ha sempre dato una mano incredibile. Non era ancora riuscito a fare gol e sembrava sottotono, ma è un giocatore sempre utile e il gol di stasera può sbloccarlo”.

LO SCONTRO CHAMPIONS – Per concludere Brocchi ha parlato della sfida che vedrà la Lazio impegnata a San Siro contro il Milan nello spareggio che èpuò valere un posto in Champions, per lui una sfida sempre speciale: “Questa Lazio può battere chiunque, non ha paura di nessuno. Andremo lì con la consapevolezza di giocare le nostre carte e con la voglia di vincere”.

Articolo precedente
Di Canio non dimentica il 6 gennaio del 2005: “Una gioia immensa”
Prossimo articolo
Verso il Milan: esami per Konko, Mauri in forte dubbio