L’ANALISI DEL GIORNO DOPO – Bentornata qualità! Lazio, riecco l’imprevedibilità perduta

Lazio Eintracht
© foto www.imagephotoagency.it

L’analisi di Lazio-Eintracht Francoforte, terminata con il punteggio di 2-1 per gli ospiti, che hanno chiuso il girone a punteggio pieno

Timidi segnali di ripresa. Un raggio di luce soffusa intravista alla fine di un tunnel che dura da un mese. La Lazio perde, ma reagisce. A differenza di quanto accaduto a Nicosia due settimane fa, la squadra ha lottato e combattuto, arrendendosi solo dopo il triplice fischio. Non avrebbero meritato la sconfitta i biancocelesti, condannati da un arbitraggio scellerato che in altre occasioni avrebbe fatto più notizia. Inzaghi si è affidato a un massiccio turnover, che in questi casi, spesso è sinonimo di figuracce; invece dalla partita di ieri sono emerse molte buone notizie. In primis un ritrovato Luis Alberto, affiancato da un Correa in versione Immobile. La conferma di Cataldi, la crescita di Luiz Felipe, la certezza Acerbi.  Non convince ancora Berisha, mentre Durmisi è apparso in crescita. Entrambi sono reduci da lunghi stop e hanno bisogno di mettere minuti nelle gambe per trovare la condizione migliore. Sembra un corpo estraneo alla Lazio invece Martin Caceres, oramai destinato a separarsi dal club biancoceleste a gennaio o giugno.

LA COPPIA FANTASIA – Luis Alberto e Correa possono coesistere? Si e possono farlo anche senza Immobile. Questa è la notizia più bella emersa dalla fredda serata dell’Olimpico. I due trequartisti si cercano e si trovano a meraviglia, come nell’occasione del gol, in cui Il Tucu si è travestito da Ciro. Movimento ad attaccare lo spazio da vero attaccante e palla in fondo alla rete. Mai si era sentita così poco l’assenza di Immobile, sostituito dal duttile Correa, che con le sue caratteristiche ha dimostrato di saper agire anche da prima punta. Tanti buoni spunti e fraseggi  tra i due, complice anche un Luis Alberto sempre più in crescita. I due molto amici fuori dal campo, hanno dimostrato di avere feeling anche all’interno del rettangolo verde. Il ritorno alla vittoria della Lazio passa anche attraverso le prestazioni del Mago, il cui rendimento fino ad’ora è stato ampiamente insufficiente. Ieri si è rivisto per larghi tratti il calciatore della scorsa stagione, in grado con un tocco di mandare il compagno a tu per tu con il portiere. La rete del vantaggio di Correa ricorda molto il pareggio di Immobile nella passata stagione all’Allianz Stadium, con Luis Alberto a confezionare assist solo da depositare in rete. Con un cambio di modulo potrebbero anche giocare tutti e tre insieme, ma per il momento Inzaghi non pare intenzionato a variare sistema tattico. Sicuramente però, la squadra sta riacquistando mano a mano quelle certezze perse. Una di queste deriva proprio dai trequartisti. Luis e Joaquin ci sono. Insieme ma anche da separati. Riescono a dare tecnica e imprevedibilità ad un reparto con le polveri bagnate da troppo tempo. Ieri si è rivista la fantasia, tra qualche giorno potrebbe tornare il sorriso. Chissà. Nel frattempo bentornata qualità…

Articolo precedente
Bianchi: «Nel 2008 speravo di restare alla Lazio, ma non furono mantenute le promesse…»
Prossimo articolo
bollettinoLazio-Eintracht, il prefetto di Roma: «Non c’è stata collaborazione con la Polizia tedesca»