L’importanza di chiamarsi Marusic: l’attore non protagonista di Lazio-Genoa

© foto www.imagephotoagency.it

Torna titolare Adam Marusic, che si riscopre importante per la Lazio. Con il montenegrino titolare due vittorie su due

Con lui dall’inizio non si perde mai, anzi si vince sempre. Adam Marusic si è ripreso la fascia destra e l’ha fatto in silenzio, lontano dai riflettori, ma facendo parlare i fatti. Un gol con il Parma, poi la panchina con l’Inter e il ritorno da titolare con il Genoa. Dopo un 4-0 in cui tra gol e assist quasi tutta la squadra è entrata nel tabellino, il suo nome non spicca, ma per lui parlano i numeri. Due vittorie in altrettante partite da titolare, con 6 reti totali segnate e 0 incassate. Quest’ultimo dato è quello più significativo. Con Marusic la Lazio riesce ad essere più equilibrata rispetto a quando in campo c’è Lazzari. Probabilmente l’ex Spal ha ancora bisogno di altro tempo per integrarsi in questa nuova realtà. Intanto Inzaghi ha riscoperto Marusic, il treno dal numero 77.

SOTTOVALUTATO – Dopo una prima stagione su alti livelli, il rendimento di Marusic è sceso, complice anche qualche infortunio di troppo. Adam ha pagato le sue cattive prestazioni perdendo il posto da titolare, a beneficio di Romulo, unico acquisto dello scorso gennaio. Il montenegrino sta sfruttando al meglio il momento non positivo di Lazzari, che tornerà titolare giovedì in Europa League, complice la squalifica dello stesso Marusic. Con l’ex Ostenda  in campo la Lazio appare più equilibrata; Adam riesce a difendere ed attaccare allo stesso modo e lo fa senza palesare i minimi segnali di stanchezza. E’ inesauribile e nei tre anni italiani è migliorato sotto ogni punto di vista. All’inizio della sua esperienza biancoceleste era più bravo ad offendere che a difendere, adesso invece è un esterno completo e Inzaghi se lo tiene stretto. Ieri non ha segnato, ma ci è andato vicino. Ha corso come un soldatino, accompagnando sempre l’azione fino al triplice fischio. Allo stesso modo sulla sua zona di competenza, il Genoa non ha mai creato pericoli. La sua importanza nella squadra è stata sempre sottovalutata, ma ora per Adam è tempo di rivincite. Lazzari è avvisato, non sarà facile mettere in panchina Marusic, l’attore non protagonista di LazioGenoa.