Niang incrocia per la prima volta la Lazio, ma un anno fa…

© foto www.imagephotoagency.it

Non tutti sanno che M’Baye Niang, attaccante milanista classe ‘94, poteva giocare nella Lazio. Durante la finestra del mercato di gennaio dello scorso anno, bastava un semplice placet di Lotito e Tare per regalare a Bollini un campione in erba. Un vero talento che poteva inserirsi nella rosa della Primavera per poter crescere e magari esordire in prima squadra. Lui, Niang, giovane promettente ribattezzato “il nuovo Henry” giunto nel Caen dalla quarta divisione francese, esordisce ancora minorenne nella Ligue 1, collezionando 30 presenze e realizzando 5 reti. Dopo un anno passa al Milan per 3,5 milioni. Il presente è tutto da scrivere. Una prima punta forte come Weah oppure una seconda punta “bidone” come Kluivert. Il fisico c’è. La testa è da vedere. Non ci sono alternative. Chi vivrà vedrà. (oppure ai posteri l’ardua sentenza).

Condividi
Articolo precedente
Auguri a Modibo Diakitè!
Prossimo articolo
Milan-Lazio, Ciani è pronto: “Stasera grande match”