Infermeria, il dott. Salvatori: “Nulla di che per Ederson, cautela per Floccari e Dias”

© foto www.imagephotoagency.it

Dopo la sconfitta di Europa League in casa Lazio si pensa subito al derby di lunedì sera. Importante per Petkovic sarà valutare le condizioni dei propri giocatori affinchè chi scenderà in campo sarà al massimo. A tal proposito è intervenuto a Lazio Style Radio il medico sociale Stefano Salvatori per fare il punto sull’infermeria biancoceleste, partendo da Ederson: “Ha subito un trauma contusivo con una lieve distorsione della caviglia. Il quadro non grave in quanto la caviglia non si è nemmeno gonfiata, gli è stato applicato un bendaggio. Oggi aveva del fastidio ma camminava tranquillamente, contiamo di fare le opportune terapie domani, ma non ci dovrebbero essere problemi nei prossimi giorni. Più che la caviglia oggi aveva avvertito un fastidio alla spalla rimediato nel famoso calcio di rigore non dato, ma anche per questo non ci sono problemi”. Panoramica del dottore anche sui giocatori che si portano dietro gli infortuni da più tempo e stanno continuando con i loro protocolli riabilitativi: “Per quanto riguarda Brocchi negli ultimi giorni c’è stato un lieve peggioramento clinico, ma ripeto che se ne sta occupando più da vicino il consulente ortopedico Lovati. Sta lavorando tanto e bene come sa fare lui con impegno e intensità ma non possiamo ancora fare una linea di recupero certa. Sta migliorando anche Pereirinha, sta lavorando anche sulla corsa e domani lo valuteremo in maniera diretta. Floccari sta seguendo il protocollo, vediamo se riusciamo ad intensificare i carichi in questi giorni, anche perchè in questi casi bisogna stare attenti all’affaticamento di altri muscoli non interessati dalla lesione. Per completare Dias che sta lavorando a Formello in questi giorni, anche per lui cercheremo di intensificare i carichi di lavoro la prossima settimana”.

Condividi
Articolo precedente
La Lazio è a Roma: da domani alle 11 si prepara il derby
Prossimo articolo
Vicepresidenze Figc, Lotito beffato. Abete: “Conosce il calcio, ma…”