Vialli racconta: «Ho avuto il cancro, prima mi vergognavo ma ora combatto…»

© foto www.imagephotoagency.it

Gianluca Vialli e la partita più importante della sua vita: «Ora sto bene ma non so come finirà»

Una storia improvvisa che spiazza tutti. A raccontarla è l’ex calciatore Gianluca Vialli in un’intervista al Corriere della Sera. «Ne avrei fatto volentieri a meno, di parlarne ma non è stato possibile. E allora l’ho considerata semplicemente una fase della mia vita che andava vissuta con coraggio e dalla quale imparare qualcosa. Giravo con un maglione sotto la camicia, perché gli altri non si accorgessero di nulla, per essere ancora il Vialli che conoscevano. Poi ho deciso di raccontare la mia storia e metterla nel libro». Dal titolo ‘Goals. 98 storie +1 per affrontare le sfide più difficili‘, a cura di Pierdomenico Baccalario, uscirà nelle librerie martedì. Nel libro Vialli ha raccolto alcune frasi motivazionali e alcuni mantra intercalandoli con storie di grandi sportivi. La novantesima storia è la sua, una storia che finora nessuno conosceva: quella della sua battaglia contro la malattia. L’ex attaccante conclude. «Ora sto bene, anzi molto bene. È passato un anno e sono tornato ad avere un fisico bestiale. Ma non ho ancora la certezza di come finirà la partita. Spero che la mia storia  possa servire a ispirare le persone che si trovano all’incrocio determinante della vita».

Articolo precedente
Moviola Lazio-Milan, l’ex arbitro Casarin: «Certe proteste non sono giustificabili»
Prossimo articolo
correa pastoreCorrea: «Il gol una liberazione! Spero di trovare più spazio…»