Sulfaro sulla Lazio: «Il gioco attuale della squadra è una noia totale, colpa dei vecchi? Non credo»
Connettiti con noi

Hanno Detto

Sulfaro sulla Lazio: «Il gioco attuale della squadra è una noia totale, colpa dei vecchi? Non credo»

Pubblicato

su

Sulfaro, l’ex portiere rilascia alcune dichiarazioni analizzando la prestazione della Lazio di ieri e della situazione attuale

Ai microfoni di Tag24 è intervenuto l’ex portiere Michelangelo Sulfaro, il quale alla luce della situazione della Lazio si esprime cosi

PAROLE – Non riesco a capirlo, non penso che una persona sola abbia potuto cambiare gli equilibri di squadra, mi riferisco a Milinkovic ovviamente. Ok che l’anno scorso abbiamo avuto gli esterni che hanno fatto il fuoco, ma è un discorso che si allarga anche ad altri elementi come Luis Alberto, oppure la difesa. Un esempio è Casale, che l’anno scorso è stato protagonista e quest’anno non ha più giocato con continuità, anzi meno male che Patric e Gila stiano facendo bene. Ma è una situazione globale, davanti Immobile, con tutti i problemi fisici che ha avuto, non è riuscito ad essere continuo. Purtroppo, il gioco della Lazio non mi piace proprio, è una noia completa. Problemi da parte dei vecchi? Non penso, sono certo che non vogliano far male, ma la differenza rispetto alla stagione passata è netta, e non può essere causata solo dall’assenza di Milinkovic. Sarà molto difficile arrivare in zona Champions, ma se le cose non dovessero cambiare a rischio è anche l’Europa League. Giocando così il rischio è forte, anche perché ci sono altre che stanno facendo molto meglio. Ad oggi le due squadre che più mi piacciono sono il Bologna e l’Atalanta. Stanno avanti dal punto di vista del gioco

CONTESTAZIONE Lui è l’allenatore, giustamente i tifosi lo contestano. Ho visto solo un tecnico che non veniva contestato pure giocando male, ed era Mourinho. Ma a prescindere da questo la Roma come uomini non è messa male. Dopo l’Inter secondo me è una delle migliori, in ogni ruolo ha tre persone, la Lazio invece ha una rosa corta. Può contare sui soliti 12-13 ma poi è difficile, a parte alcuni nomi nuovi come Guendouzi ed Isaksen che mi piace, nonostante le ultime uscite non siano state fantastiche. Kamada non si è mai visto, è un punto interrogativo, così come Marusic che non è lo stesso della passata stagione. Non capisco perché non giochi Pellegrini a questo punto. Ripresa? Me lo auguro, sono fiducioso, ma è difficile, almeno in questo momento. Adesso deve fare tantissimi punti, non può sbagliare, a partire dal Cagliari. Perché la situazione non è tanto bella, anzi

Copyright 2023 © riproduzione riservata Lazio News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 46 del 07/09/2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - PI 11028660014 Editore e proprietario: Sport Review s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.