Serie A, Sconcerti: «Se si ferma ora non riprende a settembre»

sconcerti
© foto Db Milano 26/07/2012 - presentazione calendari serie A stagione 2012-2013 / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: Mario Sconcerti

Il giornalista Sconcerti ha detto la sua sulle possibilità che la Serie A riprenda, commentando le ultime vicende relative al protocollo

Intervenuto ai microfoni di Tmw Radio, il giornalista Mario Sconcerti ha parlato della situazione relativa al protocollo sulla ripresa della Serie A. Queste le sue parole:

«C’è stata una cattiva organizzazione. Questo protocollo si poteva fare tutti insieme. Siamo molto più indietro di un mese fa, quando è iniziata questa storia. Se non si ricomincia adesso, non si ricomincia nemmeno a settembre-ottobre o a gennaio. Anche se l’Italia guarisse e arrivasse a contagio zero e potesse fare a meno di qualunque prevenzione, rimarremmo circondati da un mondo infetto, perché il virus è in tutto il mondo. E’ un momento ancora di lockdown. O si può giocare anche con il virus, oppure non si può più giocare finchè non ci sarà il vaccino.

La cosa che veramente è importante è se c’è il ritiro durante la fase delle partite, se tutti devono rimanere chiusi in ritiro durante il campionato. Praticamente non ci sarebbe contatto con il mondo esterno, nè con i propri famigliari. Se si interrompe la clausura, ritornando ai contatti di prima, sarebbe illegale, si tornerebbe agli assembramenti».

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy