Il Salisburgo non teme la Lazio, il tecnico Rose: «Hanno punti deboli, vogliamo fargli male!»

Rose
© foto Youtube

Il Salisburgo, primo in classifica, non teme la sfida di Europa League di giovedì contro la Lazio. Lo testimoniano le parole di mister Rose dopo l’ultima vittoria

Si avvicina la prima sfida di Europa League tra Lazio e Salisburgo. Gli austriaci, forti delle vittorie contro Real Sociedad e Borussia Dortmund, pensano di poter battere anche la Lazio. O meglio, non si sentirebbero nè inferiori rispetto agli avversari, nè una sorpresa. Il canale pubblico nazionale ORF – riporta gazzetta.it – nel giorno del sorteggio, ha definito l‘impegno fattibile. A testimonianza dell’ottimismo che si respira in Austria nei giorni precedenti la sfida, le parole del tecnico Marco Rose dopo l’ultima vittoria rimediata in campionato contro il Wolfsberger: «Immobile, Milinkovic e altri 5-6 giocatori molto forti alzano la qualità, ma abbiamo analizzato bene la Lazio, sappiamo che ha punti deboli. Tatticamente è una squadra molto disciplinata, è molto italiana ecco. Saranno partite diverse rispetto a quelle con Real Sociedad e Dortmund, ma vogliamo confrontarci su questi livello e vogliamo far loro male».

FREUND – Sulla stessa linea si pongono le dichiarazioni di Christoph Freund, direttore sportivo austriaco: «Non penso sia corretto che sui giornali si sia scritto di quanto il Dortmund contro di noi abbia giocato male. Chi ha visto la partita sa che abbiamo meritato di vincere e di battere un avversario che in Germania non perdeva da molte settimane. Non so perché non si ammetta che in Austria si sta lavorando molto bene. Ci criticano perché c’è molta invidia per i mezzi economici a nostra disposizione. In fin dei conti però una squadra professionistica è un’impresa commerciale, e quindi di fatto è capitalismo sportivo».

Articolo precedente
lucas leiva lazioTre laziali nella formazione ‘top’ della Serie A, Leiva centra un importante record – FOTO
Prossimo articolo
RomaStadio della Roma, la Procura indaga sulla vendita dei terreni: ecco tutte le anomalie