RadioRadio, tutto il dibattito sulla vicenda David Silva

© foto www.imagephotoagency.it

Ai microfoni di RadioRadio hanno parlato diversi esimi giornalisti sul caso David Silva e sul comunicato di Igli Tare, che ha detto di non aver rispetto del Silva uomo.

Ai microfoni di RadioRadio Lo Sport Furio Focolari, Tony Damascelli, Franco Melli, Alessandro Vocalelli e Stefano Agresti hanno commentato il tormentone David Silva e il comunicato di Igli Tare in relazione alla trattativa sfumata.

Stefano Agresti

Era tutto fatto tra Silva e la Lazio, i contratti erano già stati inviati all’entourage del calciatore. Potevamo aspettarci la beffa, dato il tempo che era passato, il problema è che se sei un uomo alzi il telefono e dici “Cari amici, avete fatto di tutto per portarmi a Roma, mi dispiace molto, perdonatemi ma voglio tornare in Spagna”. Ne sarebbe uscito meglio David Silva, che invece è scomparso e non si è più fatto vivo. Che la Lazio sia furibonda ci sta. Il comunicato è una reazione strana, strana per la Lazio. Se tu pensi questo di David Silva allora dovresti pensare peggio di Milinkovic Savic, che era ad un passo dalla Fiorentina, era andato in sede a Firenze dopo aver preso un aereo. Prima di usare certe parole va avuta attenzione. La Lazio ha aspettato così tanto Silva perché uno così non lo ritrova. Un calciatore così, gratis, non lo ritrovi. La Lazio tratta giocatori di un livello tale per cui è difficile portare avanti trattative senza che si venga a sapere. Se vai a prendere Durmisi lo puoi fare senza che nessuno se ne accorga, altrimenti è complicato stare a fari spenti.

 

Alessandro Vocalelli

Un giorno un allenatore, Prandelli, andò per la seconda volta a incontrare i massimi dirigenti della Lazio e gli fu detto che avrebbe allenato la Lazio. Cesare non seppe più nulla, e non ebbe questo tipo di reazione pubblica. E’ un mondo che a me non piace, è sbagliato comportarsi così ma ahime lo fanno tutti. Secondo me la Lazio ha sbagliato strategia di trattativa. Sono io che devo darti un ultimatum, anche se sei David Silva, una grande società che è la Lazio ha lo stesso diritto di dire a Silva che entro quattro giorni deve farsi trovare. Avrebbe dovuto costringere il calciatore a prendere una decisione subito. Anche di fronte a calciatori importanti vanno posti ultimatum. La Lazio deve avere coscienza della sua forza, quindi la reazione di Tare è sbagliata ma prima è sbagliata la strategia. Venti giorni di attesa sono stati troppi. Tutti sapevano, sembrava il grande fratello. Ci sono giocatori della Lazio che non parlano mai e già parlavano di Silva, mi ha colpito molto come è stata condotta questa trattativa. Mi ricordo che una volta Tare prendeva giocatori in poche ore, questa volta la Real Sociedad si è inserita con un blitz e in quattro e quattro otto ha chiuso l’accordo.

 

Furio Focolari

Gli angoli smussati dalla Lazio erano tanti, si era parlato addirittura di aerei, il giocatore era stato accontentato su tutto. Lui va a giocare in Spagna, nel suo paese, va capito. Spero che la Lazio abbia un piano B ma non credo che ce l’abbia. Tare ha sbagliato, ma non è certamente stupido. Sarà stato anche maleducato, ma il padre di Silva dice fesserie, perché l’accordo con la Lazio c’era in toto. Non prendiamo per oro colato quello che dice il padre del calciatore, è evidente che Tare abbia sbagliato ma non facciamo che in questa vicenda Silva sia stato un angelo. Erano venuti a Roma, erano stati a Formello. Una grande delusione.

 

Tony Damascelli

Il mercato è pieno di prostitute, le trattative sono bizzarre. Ricordo Luis Figo che firmò due contratti per due squadre italiane contemporaneamente. Prima di dire “Non sei un uomo” devi pensare, Tare dovrebbe chiedere scusa a se stesso. La Lazio deve fare punto e a capo senza perdersi in beghe condominiali. Silva va compreso, voleva tornare a casa sua. La Lazio però doveva parlare con il giocatore, non con l’entourage, questo potrebbe essere stato un altro errore. E’ decisivo parlare col ragazzo.

 

Franco Melli

Sono profondamente deluso, ero sicuro che Silva fosse una operazione già fatta. Quando Anellucci disse che non era così lo abbiamo preso per scemo, ci rovinò quel giorno, dicendo che Silva sarebbe andato alla Juventus. Pensavo la Lazio potesse prenderlo, la cosa che mi dà fastidio è che la Lazio ha perso con la Real Sociedad, come ad aver perso col Chievo. Se gli argomenti che offrivi erano così convincenti, sarebbe venuto da te. Credo che la Lazio abbia perso tempo. La sicurezza la dà però solo la firma, e forse nemmeno quella. Inutile girarci attorno, la Lazio ha perso un’opportunità clamorosa.