Primavera, Rossi: «Pensiamo partita dopo partita. Voglio essere ancora decisivo»

© foto www.imagephotoagency.it

Al termine del match, l’attaccante Alessandro Rossi, autore del terzo gol biancoceleste, ha commentato il risultato ai microfoni di Lazio Style Channel

«Il mister ci aveva chiesto di far vedere chi eravamo e di fare una partita matura – esordisce Rossi -. Abbiamo conquistato i tre punti dominando il match. Noi pensiamo partita dopo partita provando a conquistare sempre i tre punti. C’era un po’ di tensione nel match contro la Fiorentina, oggi invece in campo siamo stati tranquilli. Per me conta la vittoria della squadra, cerco sempre il gol come ho fatto oggi, ma il primo pensiero va ai risultati del gruppo. Con Rezzi, Bezziccheri e N’Diaye mi trovo molto bene: siamo tre attaccanti complementari. Non faremo calcoli, dobbiamo concludere il campionato ragionando gara dopo gara. Mi lusingano i complimenti di Inzaghi, spero di rispettare il suo pronostico. Far parte dell’ultimo derby è stato un’emozione indelebile, festeggiare con i tifosi ed essere in mezzo a giocatori come Biglia ed Immobile. Mi vengono i brividi ogni volta che ci penso. Mi sono sentito come sulla luna, non è facile tornare con la Primavera ma i miei compagni ed il mister mi hanno aiutato molto. Il mio obiettivo ora è andare avanti il più possibile in campionato e segnare in gare che possano essere decisivo». 

REZZI – Al termine del match, anche il centrocampista biancoceleste Edorado Rezzi, ha commentato il successo sui pontini ai microfoni di Lazio Style Channel: «Devo migliorare sulla cattiveria sottoporta, ma sono felice per la vittoria di quest’oggi. Il mister ci aveva detto di spingere, si aspettava una reazione. Quest’ultima c’è stata ed ora dobbiamo continuare a pensare partita dopo partita – riporta sslazio.it -. Preferisco non parlare della classifica, dobbiamo solo continuare ad essere concentrati in ogni match. Ho bisogno di toccare molto il pallone durante la partita, mi trovo molto bene come regista. Nel primo tempo non sono riuscito a muovermi tra le linee, ma nel secondo tempo è andata meglio. Ci penso alla chiamata della prima squadra, ma prima penso a far bene con la mia Primavera».