Connettiti con noi

Europa League

Pagelle Lazio Lokomotiv Mosca: che Basic, Felipe e Pedro on fire

Pubblicato

su

I voti e i giudizi ai protagonisti del match valido per la seconda giornata della fase a gironi di Europa League tra Lazio e Lokomotiv Mosca: le pagelle

 Lazio e Lokomotiv Mosca sono scese in campo allo stadio Olimpico per la seconda giornata della fase a gironi di Europa League. Le pagelle dei protagonisti del match:

STRAKOSHA 6,5 – Attento nelle occasioni, a dir la verità poche, in cui viene chiamato in causa. Questa per lui può e deve essere la partita del riscatto.

LAZZARI 6,5 – Grandissimo apporto in fase offensiva, dove le sovrapposizioni con Felipe Anderson sono il vero incubo degli avversari. Soffre però un po’ in fase difensiva e sbaglia qualche disimpegno di troppo (74′ MARUSIC 6 – Fa valere il fisico in un finale comunque tranquillo).

PATRIC 6,5 – La Lokomotiv Mosca si fa vedere molto poco dalle sue parti, ma lo spagnolo è molto attento. Si leva la soddisfazione del gol, per quanto a dir poco fortunoso.

ACERBI 6,5 – Dopo quella nel  derby, un’altra prestazione da leader difensivo. Una serata sicuramente resa più semplice dalla sterilità offensiva della Lokomotiv, ma Ace comunque c’è.

HYSAJ 6 – Rispetto alle altre partite, lo si vede un po’ più attivo in fase offensiva. Comunque per Sarri l’albanese è la solita certezza.

LUIS ALBERTO 6,5 – La prima occasione della serata è la sua. L’emblema di una prestazione positiva, nonostante non ci sia il vero e proprio guizzo (60′ MILINKOVIC 6,5 – La staffetta con Luis Alberto funziona. Il serbo entra bene in partita e si rende pericoloso in più di un’occasione).

CATALDI 6,5 – Ancora una conferma per lui, che dà fluidità alla manovra e che sembra davvero esser entrato alla perfezione nei meccanismi sarriani.(60′ LEIVA 6 – Una mezz’ora di esperienza).

BASIC 7,5 –Un esordio dal primo tempo a dir poco super per il centrocampista croato, che sblocca il risultato. La ciliegina sulla torta su una prestazione tutta corsa, dinamismo e personalità. Dimostra di poter essere utilissimo alla causa.

PEDRO 7 – Anche oggi ha l’argento vivo addosso. Suo il cross per il gol di Basic. Per il resto è una vera è proprio spina nel fianco per i russi, con i suoi movimenti a tutto campo. Nella ripresa soltanto il legno gli nega la gioia di un gol che sarebbe stato meritato (74′ RAUL MORO 6 – Partecipa alla vittoria).

IMMOBILE 6 – Solita partita al servizio della squadra, ma la paura arriva al 40′, quando lascia in campo per infortunio. Un problema che non sembra comunque grave (4p’ MURIQI 5,5- Entra e sfiora gol, ma poi lo si vede davvero poco. Va detto che ha pochi palloni giocabili per le sue caratteristiche).

FELIPE ANDERSON 7,5 – Una furia. I difensori della Lokomotiv Mosca non sanno come fermarlo, tra dribbling ubriacanti, finte e accelerazioni. E per di più lo si vede anche in fase di ripiegamento. La cura Sarri sembra davvero fare effetto.