PAGELLE Lazio Atalanta: Si salvano Cataldi e Caicedo, k.o. tecnico sulle fasce VOTI

convocati
© foto www.imagephotoagency.it

La Lazio ospita l’Atalanta nel debutto stagionale allo stadio Olimpico. Di seguito i voti del recupero della prima giornata di campionato

STRAKOSHA – Ancora titolare tra i pali, una buona parata coi piedi su Zapata, poi 4 reti subite senza errori macroscopici, ma neppure prodigi. Rimane sempre in porta e non compie parate importanti. VOTO 5

PATRIC – Passaggi all’indietro in impostazione, uscite errate e peso difensivo quasi nullo. Quando il livello si alza, naufraga senza appello. VOTO 4

ACERBI – Unico baluardo, in sistematico anticipo su Zapata, è costretto a rimediare anche agli errori dei compagni, come quando esce di petto dopo un’ingenuità di Patric in uscita. Testa e cuore, pur nell’imbarcata è il meno colpevole di tutti. Salva una quantità incredibile di potenziali occasioni da gol. Solo nella ripresa chiude da ultimo uomo quattro o cinque volte. Costretto al giallo, deve lavorare per tre. Chiude in proiezione offensiva. VOTO 7,5

RADU – Fatica tremendamente contro uno degli attacchi più forti del campionato e d’Europa. Sostituito a metà ripresa da Bastos. VOTO 5 – BASTOS – Non accorcia su Malinovskyi in occasione del quarto gol di Gomez, è perennemente fuori tempo e viene saltato da Malinovskyi più di una volta. Meglio in fase offensiva, è tutto dire. VOTO 5

LAZZARI – Nel primo tempo sembra un pulcino spaesato tra i grandi. Sistematicamente superato dal gioco, ha solo una ripartenza ed invece di tirare sbaglia per l’ennesima volta la misura del passaggio. Nella ripresa è meno timido, ma mai risolutivo. VOTO 4 – DJAVAN ANDERSON Non spinge mai, tenta solo un affondo a gara ampiamente terminata. VOTO NG

SERGEJ – Ha qualità e domina sui palloni aerei, ma carbura lentamente come ad ogni inizio stagione. Si getta in avanti su ogni traversone, ma non riesce a incidere come vorrebbe e in fase difensiva è assente. VOTO 5 – ESCALANTE – Entra in campo a gara terminata ma non fa nulla per farsi notare. VOTO 5

LEIVA – Un anno e mezzo dopo torna ad affrontare l’Atalanta e mette il cuore e la tenacia, senza disdegnare le maniere forti quando necessarie. Spesso lasciato solo contro tutti, quando è in ritardo prende il giallo. Esce stremato ad inizio ripresa. VOTO 5,5 – CATALDI – Entra per fare la guerra sportiva, e come lo scorso anno dimostra applicazione e maturità. Con la squadra sbilanciata prende un giallo comunque evitabile. VOTO 6

LUIS ALBERTO – Qualità in impostazione ma errori in serie in rifinitura: nel primo tempo tarda almeno tre volte l’ultimo passaggio ad Immobile tutto solo. Quando si alza l’agonismo perde tanto. VOTO 5  – AKPA AKPRO – Perde palloni banali e sparisce appena entrato in campo. La gara non aveva più nulla da dire, ma contro il centrocampo atlantico non la prende mai. VOTO 5

MARUSIC – L’Atalanta non è il Cagliari e il test Hateboer è ben più probante della Sardegna Arena. Duello impari, due ingenuità regalano due reti agli ospiti. Per due volte si mangia il gol davanti a Sportiello. Serataccia. VOTO 4

CAICEDO – Titolare a sorpresa al posto dell’infortunato Correa, gioca solo spalle alla porta e non gli viene fischiato mezzo fallo. Prova a cucire il gioco ma è spesso ingabbiato dalla difesa bergamasca. Al primo tiro colpisce, nella ripresa giganteggia ed è l’ultimo ad arrendersi. VOTO 6,5

IMMOBILE – Primo tempo difficilissimo, solo una telefonata a Sportiello. Non gli arriva un rifornimento, ma spreca clamorosamente la chance per riaprire il match a tu per tu col portiere ospite. Sbaglia troppi palloni e perde lucidità, ma mette in campo tutto quel che ha con una generosità impagabile. Pesa tantissimo il gol mancato in un momento decisivo. VOTO 4,5

SIMONE INZAGHI – Alla prima in casa deve giocare con Marusic adattato, Leiva e Radu a mezzo servizio e senza cambi offensivi. Prima mezzora da squadra d’alto livello, poi i soliti errori contro una squadra obiettivamente più forte. I cambi sono la fotografia di una rosa che ad oggi non è stata migliorata e che ha subito una prova di forza a tratti schiacciante. VOTO 6