Connettiti con noi

News

Marusic, il pilastro della Lazio. Il jolly di Inzaghi ora va blindato

Pubblicato

su

Stagione da incorniciare per Adam Marusic, jolly di Simone Inzaghi in questo finale di stagione. Il rinnovo è la priorità

Simone Inzaghi ha riscoperto la duttilità di Adam Marusic, risultato tra i migliori in campo contro il Verona. Dopo averlo schierato da esterno destro o all’occorrenza sinistro, il tecnico gli ha dato fiducia anche nel ruolo di terzo centrale di destra, soprattutto negli ultimi due mesi, in concomitanza con i vari infortuni che hanno falcidiato il reparto arretrato. Dopo Acerbi, il montenegrino è il calciatore più utilizzato (3.094 minuti contro i 3.178 del difensore), 38 presenze totali di cui 28 in campionato, condite da due gol pesanti contro Udinese e Atalanta.

Scoperto da Tare nel 2017 quando giocava nell’Oostende, Marusic non è mai stato troppo continuo. Nel 2019 sembrava vicino all’addio a causa dell’acquisto di Lazzari, ma Simone Inzaghi ha saputo reinventarlo a sinistra, tanto da attirare le attenzioni del PSG. Intanto le pratiche per il rinnovo procedono spedite, il contratto scade tra un anno ma non dovrebbero esserci problemi visti i buoni rapporti tra Tare e l’agente Kezman. Il montenegrino andrà di fatto a raddoppiare il suo ingaggio, arrivando a 2 milioni e prolungando fino al 2025.

Advertisement