Lazio, alla scoperta del Primavera: Mattia Marocco

© foto @Instagram

Conosciamo meglio i talenti della Primavera della Lazio. Oggi mettiamo sotto la lente d’ingrandimento il portiere Mattia Marocco

Le gerarchie sono importanti da rispettare, ma ogni tanto bisogna fare qualcosa per sovvertirle. Mattia Marocco, tramite la costanza ed il duro lavoro, prova a cambiare le idee del mister della Lazio Primavera, squadra in cui milita dal 2018. Conosciamolo meglio.

LA SCHEDA – Mattia Marocco nasce a Villa di Tirano, in Valtellina, il 21/10/2001. Essendo in provincia di Sondrio, inizia lì la sua esperienza calcistica. Con la squadra lombarda cresce molto fino ad arrivare a conquistare la D con l’Eccellenza e ricevere la chiamata della rappresentativa regionale. Nel 2018 la Lazio Primavera ha bisogno di una rifondazione, dopo la scottante retrocessione in Serie B, e per questo Tare sceglie lui. Il primo anno in biancoceleste è duro ma riesce comunque a trovare l’esordio nell’ultima partita contro il Livorno. Il ritorno in Primavera 1 porta un nuovo mister in panchina che decide di mantenere Mattia in rosa, seppur alle spalle di Alia e Furlanetto. Durante questa stagione ancora il giovane estremo difensore non è riuscito a scendere in campo, ma non smette di lavorare sodo.

CARATTERISTICHE – Marocco è un portiere agile quanto fisico. I suoi quasi 2 metri di altezza, fanno sì che all’avversario lo specchio della porta si restringa clamorosamente.

Iscriviti gratis alla nostra Newsletter

Privacy Policy