Le pagelle di Empoli-Lazio: Strakosha mostruoso! Torna il vero Parolo, bene anche Leiva e Lulic. Ancora a secco i ‘big’

parolo
© foto www.imagephotoagency.it

Le pagelle di Empoli-Lazio 0-1, match valido per la 4/a giornata di Serie A TIM

Dopo la sosta relativa alle Nazionali, ecco finalmente la Serie A. L’Empoli di Andreazzoli ha accolto la Lazio allo Stadio Castellani per questa sfida con un certo sapore di rivincita vista la sconfitta rimediata dal tecnico toscano al termine della leggendaria finale del 26 maggio. Ecco le pagelle dei biancocelesti.

STRAKOSHA 7: Durante la prima frazione non è particolarmente impegnato, ma al 29′ si supera con un intervento d’istinto su Acquah. Al 56′ stava per combinare una frittata sbagliando un rilancio, ma per sua fortuna l’Empoli non è riuscito a concretizzare. Bisogna assolutamente lavorare sui rinvii, gli errori del portiere albanese sono numerosi. Poi si riscatta con una parata mostruosa su Caputo nei secondi finali del match. Il suo intervento vale quanto un gol e regala la vittoria alla sua squadra.

WALLACE 5: Alcuni interventi di buona fattura, poi non mancano interventi da film horror. Per giocarsi un posto da titolare ha bisogno di altro.

ACERBI 6,5: Partita di normale amministrazione per lui, ma quando Bennacer e Zajc tentano di innescare Caputo creano qualche grattacapo al difensore milanese. Uno dei migliori in campo.

RADU 6: Partita sottotono come del resto tutti i suoi compagni di squadra, ma utilizza la propria esperienza per tenere a bada i toscani. Esce nella ripresa per un problema muscolare. (53′ CACERES 6: Entra per sostituire l’infortunato Radu. Normale amministrazione).

MARUSIC 5,5: Si fa vedere a sprazzi sulla fascia di sua competenza, ma pian piano si spegne anche il montenegrino. Nel secondo tempo le sue discese sulla fascia si fanno sempre più numerose, la svolta arriva grazie alla rete di Parolo che mette tutta la squadra in tranquillità. Sbaglia un gol clamoroso davanti alla porta nei minuti di recupero che avrebbe potuto costare caro alla squadra.

PAROLO 6,5: Anche il centrocampista di Gallarate sembra senza idee, ma la sua tigna continua ad essere fondamentale in campo. E’ provvidenziale al 47′, quando con un ottimo inserimento spinge in rete un cross deviato di Lulic.

LEIVA 7: Mantiene in equilibrio il centrocampo dove, in completa assenza di idee, detta i tempi di gioco e cerca di dare un certo ordine.

MILINKOVIC-SAVIC 5: I tre gioielli biancocelesti ovvero il serbo, Immobile e Luis Alberto sembrano davvero irriconoscibili. Dopo alcuni cambi di passo e dribbling iniziali, si pensava ad una prestazione diversa. Dov’è il vero Sergente? (67′ CORREA 6: Prova a dare la scossa, ma non riesce nel suo intento. Tecnicamente non è possibile mettere in discussione il giovane argentino).

LULIC 7: Uno dei più propositivi con le sue incursioni sulla fascia, ma pian piano si perde anche lui nella grande confusione presente in campo. Nella ripresa è un altro Lulic: al 47′ confeziona l’assist, con deviazione, per Parolo.

LUIS ALBERTO 5,5: Dallo spagnolo ci si aspetta molto altro. Una partita giocata superficialmente e per lunghi tratti l’ex Deportivo è stato un fantasma. Irriconoscibile. (75′ DURMISI: SV).

IMMOBILE 5,5: Spesso solo, viene servito davvero poco dai compagni e soprattutto è stretto nella morsa di Silvestre e Rasmussen. Dopo la delusione con la Nazionale un altro match sottotono.

ALL. INZAGHI 6: La Lazio gioca un primo tempo davvero pessimo, come se non ci fossero idee. I tre gioielli di casa Immobile, Milinkovic e Luis Alberto non brillano, e questo non può che gravare sulla prestazione della squadra. Nella ripresa qualcosa va meglio grazie alla rete di Parolo, gol che mette in tranquillità tutti i biancocelesti.

Articolo precedente
La moviola di Empoli-Lazio: tutto facile per Orsato
Prossimo articolo
marusicEmpoli-Lazio 0-1, pagelle e tabellino