Lazio, Tudor ha dato nuovo vigore all’Udinese: la sfida è complicata

Tudor
© foto @UdineseTwitter

Mercoledì la Lazio dovrà sfidare l’Udinese di Tudor

Una sfida tutt’altro che scontata. Mercoledì sera la Lazio dovrà affrontare il recupero contro l’Udinese di Igor Tudor. Dopo una stagione travagliata, fatta dal susseguirsi in panchina di ben tre allenatori, sembra che dalle parti della Dacia Arena si sia ritrovata la quadratura del cerchio. Merito dell’ex Juventus, tornato sulla panchina friulana per conquistare una salvezza che stava per complicarsi più del dovuto anche se nella giornata di ieri è stato sconfitto di misura dalla Roma di Ranieri. Alcune scelte societarie di inizio stagione non hanno portato i frutti sperati, come la decisione di affidare la squadra all’esordiente Velazquez. Lo spagnolo non ha saputo dare continuità ad un avvio incoraggiante. La sua avventura è durata il tempo di dodici partite per poi venire sostituito da Davide Nicola. La guida dell’ex tecnico del Crotone, però, non riesce a dare la giusta spinta per raggiungere l’agognata salvezza. La società corre ai ripari, richiamando appunto Tudor che aveva già guidato l’Udinese durante la scorsa stagione.

L’UDINESE DI TUDOR – Difesa a tre e una squadra compatta, queste le caratteristiche della nuova Udinese di Tudor. De Paul, accostato a numerosi club durante il mercato di gennaio, l’uomo in più. Senza dimenticare l’ascesa di Pussetto e la voglia di rivalsa di Okaka.