Lazio, Reina: «Farò di tutto per migliorare questa squadra. Ho sentito Biglia prima di accettare»

© foto www.imagephotoagency.it

La Lazio presenta Reina, uno degli acquisti di questo calciomercato. Ecco le parole del portiere ai cronisti

Pepe Reina si presenta alla stampa con una conferenza. Il portiere è stato acquistato dalla Lazio in questa finestra di mercato ed ha già potuto mettersi in mostra durante il ritiro di Auronzo. Ecco le parole dell’estremo difensore.

TARE – «Finalmente le nostre strade si sono incrociate. Il suo acquisto è molto importante, sopratttutto per l’esperienza in campo internazionale, per il suo modo di essere anche fuori dal campo. Sarà un valore aggiunto».

REINA – «Sono felice di essere qui, essere un giocatore della Lazio. Si cercherà di far crescere ancora questa società, che è già una realtà importante, adesso puntiamo in alto in Europa».

Quanto conta l’esperienza in Champions?

L’Europa sarà una novità per tanti, ma saranno partite di calcio giocate senza timori e pensieri. Questa squadra sa giocare perfettamente a calcio, dovremo fare solo quello che facciamo in Italia.

La Lazio è pronta per la Champions?

Quello che penso io non conta. Dobbiamo essere pronti, il nostro percorso è finire in alto in campionato, stare su. La Champions è la miglior competizione e sarà difficile, ma il primo obiettivo deve restare il campionato.

Cosa ti manca nella carriere per sentirti realizzato?

Mancano alcune cose, come una Champions o un campionato da protagonista. Io continuo ad avere fame e farò di tutto per far sì che questa squadra migliori ulteriormente.

Strakosha può crescere con te?

Credo che Gigio (Donnarumma, ndr) al Milan sia cresciuto molto negli ultimi due anni, chiaramente per merito suo, ma l’ho cercato di aiutare al meglio. Farò il mio meglio per spingere al massimo Thomas ed essere pronto quando ci sarà bisogno.

Leiva ti ha aiutato nella scelta?

Il primo con cui ho parlato è stato Lucas Biglia, è stato lui a parlarmi bene di questa società. Poi Leiva e Luis Alberto che mi hanno detto degli obiettivi della squadra e come funzionano le cose. Ma mi ha convinto, però, in assoluto, la chiamata del mister. La Lazio ha automatismi importanti in campo, ora bisogna crescere ancora di più con la mentalità, diventare protagonisti per vedere obiettivi ancora più grandi.

Venendo alla Lazio, credevi di giocarti un posto da titolare o sapvi di rimanere alle spalle di Strakosha?

So che Thomas è il titolare, ma sono pronto per giocare il massimo di partite.