Primavera – Harakiri Lazio: due gol in 10 minuti e striscia di vittorie che si ferma a 9

primavera
© foto www.imagephotoagency.it

La Primavera biancoceleste butta alle ortiche un vantaggio di due gol e si fa raggiungere negli ultimi dieci minuti dal Vicenza

Sembrava tutto facile e invece la beffa era dietro l’angolo. La Lazio Primavera domina per tutta la partita, ma patisce un blackout di 10 minuti che costa due punti pesanti e il record di vittorie consecutive. Per l’occasione i biancocelesti si sono disposti con uno scolastico 4-4-2. Adamonis tra i pali; Spizzichino, Miceli, Baxevanos e Petro in difesa; Bezziccheri, Barì, Rezzi e N’Dyaie a centrocampo; Rossi e Al Hassan in attacco. Parte subito forte la squadra di Bonatti che al 4’ si porta già in vantaggio: angolo del solito Miceli a cercare Barì che da pochi passi deposita in rete. Pochi giri d’orologio e la Lazio ci prova ancora con Bezziccheri, ma la sua conclusione termina alta. Risponde il Vicenza con una punizione di Crestani, Adamonis si distende e respinge. Alla mezz’ora arriva una concreta occasione per il raddoppio: affondo di Spizzichino per Al Hassan che sul secondo palo colpisce male e consegna il pallone al portiere. Subito dopo ancora un’altra opportunità per lo 0-2: la difesa vicentina consegna incredibilmente palla a Rossi all’interno dell’area, ma il capitano non riesce ad approfittarne. I biancocelesti vanno al riposo in vantaggio di una rete, ma in completo controllo della partita.

HARAKIRI – Inizia la ripresa e la Lazio raddoppia: ancora assist di Miceli per Rossi che stoppa di petto, si invola verso la porta e batte Pavan. Ora la squadra di Bonatti cerca di legittimare il vantaggio andando anche alla ricerca del tris che però non arriva; ci provano prima Spizzichino, poi Portanova, entrambi senza fortuna. All’82’ il Vicenza la riapre con Paiolo che calcia in porta trovando una deviazione fatale per Adamonis. Non c’arriva il portiere lituano e padroni di casa che si rifanno sotto. L’arbitro assegna 5 minuti di recupero e all’ultimo di questi, arriva la più classica delle beffe: sugli sviluppi di un angolo Adamonis non trattiene, nelle vicinanze c’è Okoli che deve solo mettere dentro. Si ferma a 9 la striscia di vittorie consecutive della Lazio, che mantiene 5 punti sulla Sampdoria e 7 sulla Fiorentina, battuta quest’oggi proprio dai doriani.