Lazio, a chi dai fastidio? Dopo la prima squadra ‘defraudata’ anche la Primavera

© foto www.imagephotoagency.it

Dopo gli episodi ormai noti di Lazio-Fiorentina, la Primavera biancoceleste è stata estromessa dalla Coppa Italia per errori arbitrali

Rigore non concesso per atterramento di Parolo. Contatto dubbio in area laziale e penalty senza esitazioni assegnato alla Fiorentina. Finita qua? No, un altro atto di una triste storia si è consumato questo pomeriggio sul campo ‘Mirko Fersini‘ di Formello. Sono scese in campo alle 13:45, Lazio e Bari per gli ottavi di finale di Coppa Italia. I biancocelesti stavano conducendo nella ripresa per 2-1 grazie alla doppietta di Sarac. Dopo due minuti dal nuovo vantaggio della squadra di Bonatti, viene concesso un rigore che lascia abbastanza perplessi tutti i presenti: Miceli entra in scivolata su Manzari prendendo in pieno il pallone. Nonostante la pozzanghera di acqua alzata dall’intervento del numero 4, si vede benissimo la dinamica dell’azione che scagiona il centrocampista biancoceleste; infatti dalle immagini si può benissimo notare la caduta in netto ritardo del calciatore del Bari, tanto che, il pallone prosegue sulla stessa traiettoria dell’intervento fatto da Miceli. Sul dischetto va lo stesso Manzari, respinge Rus sui piedi di Maffei che è il più lesto a ribadire in rete il pallone, ma anche qui c’è un’irregolarità: l’attaccante del Bari è visibilmente entrato in area di rigore prima di tutti gli altri. Infatti il pallone poi depositato in rete, è stato recuperato addirittura più avanti del dischetto dal numero 11, mentre il resto dei calciatori era ancora fuori dall’area.

ERRORI FATALI – Finita qui? Assolutamente no. Al minuto 87′ ci sono due contatti a dir poco dubbi in area pugliese: prima Rezzi e poi Sarac vengono buttati giù come una sorta di effetto domino, ma l’arbitro lascia proseguire. Sul ribaltamento di fronte arriva il gol del definitivo 2-3 che scaturisce l’ira dei tesserati biancocelesti nel finale. Il risultato condanna la Lazio e la estromette dalla Coppa Italia, dove nel prossimo turno avrebbe incontrato la Roma. Solo un caso? Due partite indirizzate in tre giorni. Le coincidenze dalle parti di Formello iniziano ad essere un pò troppe.