Lazio, gli Irriducibili tolgono lo striscione dalla Nord: il comunicato – FOTO

campagna abbonamenti lazio 2019/2020
© foto www.imagephotoagency.it

Gli Irriducibili hanno deciso di togliere il proprio striscione dalla Nord: nel comunicato le motivazioni della decisione presa

Sulla pagina Facebook ‘La voce della Nord’ è stato pubblicato un lungo comunicato, in cui sono esposte le ragioni che hanno portato gli Irriducibili, lo storico gruppo ultras della Lazio, a togliere il proprio striscione dalla Curva Nord. Ecco alcuni stralci del messaggio: «Gli Irriducibili Lazio, preso atto dell’attuale momento storico, ritirano lo striscione dalla Curva Nord. Non si tratta di uno scioglimento, nè di una resa, anzi, si tratta invece di un sacrificio teso a salvaguardare l’identità, i valori, la tradizione e soprattutto il significato del nome che lo striscione rappresenta. Facciamo questo primo passo, con la convinzione e speranza chele altre tifoserie seguano l’esempio, per non diventare complici di questo sporco gioco. Vogliono una tifoseria di marionette? Avranno un movimento formato da spontaneismo e anonimato, senza più sigle o capi espiatori, senza più coreografie, trasferte organizzate, punti di riferimento». 

LEGGE – «Siamo di fronte all’ennesimo inasprimento di una legge già ai limiti dell’incostituzionalità, che prenderà forma il 20 luglio, data in cui se ne discuterà in Parlamento: abilmente celata sotto il cappello della sicurezza, cova la volontà delle società di disgregare e distruggere in maniera chirurgica un movimento culturale che da sempre rappresenta l’espressione più pura del calcio: il tifo organizzato (…) Il nostro non è un passo indietro, ma in avanti: troveremo altri spazi, altre piazza, altri luoghi in cui aggregarci e alimentare la nostra mentalità e le nostre iniziative sociali con spontaneismo, dopodiché siederemo sulla riva del fiume e aspetteremo il cadavere».

ATTACCO«Non rinnoveremo in maniera incondizionata la fiducia ad un mondo malato a livello terminale e alla società Lazio con i suoi dirigenti che ne fanno parte. Non ci renderemo complici di questo scempio che per troppo tempo ci ha utilizzati e sfruttati, ma resteremo coerenti con i valori che ci accompagnano dal momento della ragione e per tuta la vita. Per tutti questi motivi il gruppo per la prima volta non sarà presente nel ritiro di Auronzo».