Lazio Cluj, Inzaghi: «Finchè la matematica non ci condannerà noi giocheremo!»

inzaghi
© foto @LazioNews24

Simone Inzaghi, tecnico della Lazio, ha parlato durante la conferenza stampa della vigilia

Simone Inzaghi, allenatore biancoceleste, è intervenuto durante la consueta conferenza stampa della vigilia in vista di Lazio-Cluj in programma domani sera. Ecco ciò che ha detto.

L’importanza della sfida di domani

«Ha l’importanza di una partita di Europa League. Finchè la matematica non ci condannerà faremo la nostra partita, abbiamo compromesso il passaggio del turno nelle prime partite».

In campionato la Lazio sta volando, mentre in Europa League percorso opposto

«In campionato stiamo giocando davvero bene, la nostra posizione è meritata. In Europa il sorteggio poteva andare meglio. Nei valori visti in campo dovevamo superare questo girone, ci assumiamo le nostre responsabilità».

Se tornasse indietro farebbe scelte diverse?

«Se tornassi indietro effettuerei le medesime scelte, abbiamo gestito bene le energie della squadra dosando bene le forze. Oggi ho avuto risposte dal campo: Felipe Caicedo ha un problema alla caviglia, domattina avremo un breve allenamento. Parolo e Cataldi sicuramente giocheranno, Lazzari dovrà sacrificarsi».

Rete subita su palla inattiva contro il Sassuolo e non si fa gol da calcio d’angolo; Adekanye domani giocherà?

«Per quanto riguarda Adekanye sicuramente giocherà, ancora non so se titolare o a partita in corso. Le critiche sui gol subiti da palla inattiva ci possono stare, dovremo prestare maggiore attenzione, molto dipende dagli uomini in campo e dai momenti».

Vincere per fare risultato positivo

«Teniamo alla gara di domani, schiererò una formazione in grado di poter vincere: paradossalmente abbiamo vinto nella gara giocata peggio»

Domani giocherà Proto? Berisha come sta?

«Domani gioca Proto che è un portiere affidabile, era già programmato, Guerrieri verrà in panchina, contiamo di recuperare Strakosha per domenica. Berisha sta bene, ha effettuato tre allenamenti, è un altro dubbio che mi porto, parlerò con il giocatore».