La giocata del match – Caicedo 2.0, è ancora Feliphunter a decidere la gara

© foto www.imagephotoagency.it

All’Olimpico vince la Lazio, la firma ancora una volta è di Felipe Caicedo

Brutti, sporchi e cattivi è un film di Ettore Scola; brutta, sporca ma vincente è il film dell’Olimpico di questa sera. Ed è proprio così che volevamo la Lazio: non bellissima ma caparbia, stanca ma cinica, falcidiata dagli infortuni ma ancora in piedi. Mille volte mister Inzaghi ha detto che ci sarebbero stati momenti della stagione in cui l’aiuto di tutti sarebbe stato indispensabile e così è stato questa sera. Di nuovo, come a Frosinone, a deciderla è stato Felipe Caicedo che mette la firma su questa vittoria ossigeno puro per la classifica e per il futuro. E’ lui il migliore in campo, lui e il suo fisico, la sua lotta continua, il suo sgomitare e anche il suo essere al momento giusto e al posto giusto. Si procura il calcio di rigore grazie al pressing che fa sull’estremo difensore dell’Empoli, va dal dischetto sicuro, tira un bolide che si infila in porta e quella rete vale tre punti d’oro. La Lazio vola e, momentaneamente, si riprende ciò per cui sta lottando dalla scorsa stagione.

Articolo precedente
Le PAGELLE di Lazio-Empoli: Caicedo è decisivo, Romulo buona la prima. Correa, ci vuole più cinismo!
Prossimo articolo
chiffiLa moviola di Lazio-Empoli: Chiffi preciso, giusto il penalty per i biancocelesti