Focus – Europa League, alla scoperta del Nizza di Favre

nizza europa league
© foto www.imagephotoagency.it

Europa League, la Lazio pesca il Nizza oltre a Zulte Waregem e Vitesse: alla scoperta della squadra della Costa Azzurra

Un sorteggio che può preoccupare qualcuno. La Lazio, inserita nel gruppo K di Europa League, affronterà Nizza, Zulte Waregem e Vitesse. E’ soprattutto la squadra della Costa Azzurra a rappresentare, sulla carta, l’avversario più insidioso per i biancocelesti di Inzaghi.

Nizza, la Capitale della Costa Azzurra a pochi chilometri dal confine italiano

Nizza si trova a una trentina di chilometri dal confine italiano con la Liguria. Detta la ‘Capitale della Costa Azzurra‘, conta quasi 350mila abitanti ed è la quinta città più popolosa della Francia. Nizza è molto legata all’Italia (è stata parte del Regno di Sardegna fino al 1860) e la lingua italiana è stata la più parlata in città almeno fino agli anni ’30. Vera e propria finestra sul mare, è divisa in città vecchia, ‘Vieux Nice’, dove le nuove tendenze si mescolano agli antichi edifici e pittoreschi labirinti, e il lungomare tra i più conosciuti al mondo, la ‘Promenade des Anglais’ (a livello locale chiamato semplicemente ‘La Prom’). Tra i monumenti più importanti di Nizza troviamo la ‘Chapelle de la Miséricorde’ e la ‘Cathédrale Sainte Reparate’, capolavori dell’architettura barocca posti nell’antico quartiere residenziale ‘Cours Saleya’. Tra i luoghi più rappresentativi della città, poi, ecco Place Massena, presso il grande parco di Nizza, piazza dalla caratteristica pavimentazione a mattonelle grigie e bianche, con al centro la scultura moderna di Jaume Plensa. Poi Piazza Garibaldi, luogo elegante dove ha sede il municipio e con al centro una statua dello stesso Garibaldi, nativo di Nizza. Il porto antico è assai caratteristico, circondato da edifici color pastello e adornato dai colori delle piccole barche. Tra gli eventi cittadini, il più importante è sicuramente il Carnevale, che ha luogo ogni anno proprio sulla Promenade.

Nizza, una squadra alla riscossa nel calcio francese

L’Olympique Gymnaste Club de Nice-Côte d’Azur‘ è la denominazione completa della società rossonera, assunta nel 1991 dopo un fallimento scongiurato (la fondazione iniziale avvenne nel 1904 con un’iniziale società di ginnastica). I giocatori della squadra, scherzo del destino, sono soprannominati ‘gli Aquilotti’, con un’aquila, appunto, che regge lo stemma societario nel simbolo ufficiale. Il Nizza ha vissuto il suo periodo d’oro negli anni ’50, quando vinse, nel 1951, il primo titolo francese, successo poi replicato nella stagione successiva anche con la vittoria della Coppa di Francia. Il decennio proseguì con altre vittorie come la Coppa nazionale nel 1954 e altri due scudetti tra il 1956 e il 1959. Il decennio successivo è attraversato da due retrocessioni, prima che il Nizza torni alla ribalta negli anni ’70; nel 1971, arriva la prima vittoria rossonera in Supercoppa di Francia. La squadra, in quel decennio, fu soprannominata ‘il Club dei Miliardari’ per aver ingaggiato giocatori celebri come Hervé Revelli, Dominique Baratelli e Dick van Dijk. Gli anni ’80 sono attraversati da crisi finanziarie, fino agli anni ’90, che seppur altalenanti portano alla vittoria della Coppa di Francia nel 1997 (conquistata nello stesso anno della retrocessione). Dal 2002 il Nizza milita ininterrottamente in Ligue 1, dove proprio lo scorso anno ha conquistato il miglior piazzamento degli ultimi anni, raggiungendo il terzo posto finale dietro a Monaco e Psg dopo essere rimasto in testa alla classifica per diversi mesi.

Lo Stadio: ‘Allianz Riviera’

Stadio nuovo, l”Allianz Riviera‘ è stato costruito al posto del vecchio ‘Stade Municipal du Ray’. Inaugurato nel 2013, presenta una struttura ‘all’inglese’, con le tribune a ridosso del rettangolo verde. L’impianto conta poco più di 35mila posti ed è situato nella parte più a ovest della città. Stadio molto funzionale (dotato di pannelli fotovoltaici) e bello da vedere, l’Allianz Riviera’ è suddiviso in tribuna Garibaldi, Populaire Sud (la curva dei tifosi di casa) tribuna Ovest (con settore vip e palchi) e gradinata Nord (Tribune Ray).

E’ il Nizza di Favre, Balotelli e Sneijder

Il Nizza, tornato da pochi anni alla ribalta del calcio francese, dopo aver concluso lo scorso campionato al terzo posto, è stato di recente eliminato dal Napoli nel playoff di Champions League. Allenato dallo svizzero Lucien Favre, non ha cominciato al meglio la stagione: oltre all’eliminazione dalla Champions, sono arrivate due sconfitte nelle prime due gare di campionato (contro Saint-Etienne e Troyes), poi seguite dalla vittoria sul Guingamp. I nomi più rilevanti della squadra rispondono a Mario Balotelli e Wesley Sneijder, ‘colpo’ del mercato estivo, mentre la fascia da capitano è del centro della difesa, Dante. A centrocampo, poi, spiccano i nomi di Koziello e Seri, oggetto del desiderio del mercato di grandi squadre. Nella finestra di traferimenti non sono mancate le cessioni eccellenti, come quelle delterzino sinistro Dalbert all’Inter e del trequartista Eysseric alla Fiorentina. Oltre a Sneijder sono arrivati l’attaccante Maximin dal Monaco, il centrale Makengo dal Caen e l’esterno destro Melou dal Dijon. Schierata solitamente col 4-2-3-1 o col 4-3-3, ecco uno degli schieramenti tipo della squadra di Favre:

(4-2-3-1): Cardinale; Souque, Dante, Le Marchand, Jallet; Seri, Koziello; Sneijder, Maximin, Melou, Balotelli.