Inzaghi: «Testa all’Udinese, poi penseremo al derby»

Inzaghi
© foto S. S. Lazio

Il tecnico della Lazio Simone Inzaghi ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Lazio-Udinese

La Lazio di Simone Inzaghi è attesa da un trittico di partite impegnative in 8 giorni che incomincerà domani pomeriggio contro l’Udinese. Mercoledì sarà la volta del derby d’andata in semifinale di Coppa Italia contro la Roma, mentre il 5 marzo i biancocelesti saranno di scena a Bologna. Nel primo pomeriggio il tecnico laziale è intervenuto in conferenza stampa dal centro sportivo di Formello per fare il punto sulla partita contro i friulani di domani, ma anche sui prossimi impegni, in particolare sulla stracittadina. Ecco le sue risposte ai cronisti presenti in sala stampa:

INZAGHI IN CONFERENZA STAMPA PRIMA DI LAZIO-UDINESE -Imperativo: non pensare a mercoledì…
«Sì. Affrontiamo un avversario che viene da risultati negativi ma ha ottimi interpreti. Sono stato allenato da Del Neri, è un tecnico preparato. Saprà come mettere in campo i suoi. io però ho visto i miei sul pezzo. Da dopo l’Udinese sappiamo cosa fare. Dobbiamo dare seguito ai risultati delle ultime partite. Esprimiamo un ottimo calcio ma dobbiamo continuare».

Farà del turn over?
«Indipendentemente, manca ancora l’allenamento di oggi. Faremo un’altra seduta veloce, devo recuperare qualche giocatore, anche chi non si è potuto allenare al massimo. So di avere giocatori come Patric, Lulic e Radu, che mercoledì non ci saranno e quindi giocheranno sicuramente contro l’Udinese».

Alla 25a nessun tecnico aveva i tuoi punti in classifica nell’era Lotito
«Saremmo dovuti essere ancora terzi o quarti, sappiamo che dobbiamo continuare a crescere e a cercare di vincere più partite possibili. Sono fiducioso, la squadra ha lavorato bene, sa che domani non sarà semplice».

Milinkovic riposa?
«Valuteremo, manca l’allenamento di oggi. Ha recuperato, mi ha dato ampie garanzie. Viene da un momento intenso. A Empoli si sarebbe potuto risparmiare ma lui è un generoso non si è voluto risparmiare. Vedremo».

Stadio della Roma. E la Lazio?
«E’ una notizia che mi fa piacere. In contemporanea penso che verrà accettato il progetto della Lazio. Sono due squadre importantissime che rappresentano la città, entrambe devono avere uno stadio di proprietà».

Settimana decisiva?
«Importante. Abbiamo tre partite non semplici, una diversa dall’altra. Partiamo con l’Udinese, una squadra esperta con giocatori da tanti anni nel campionato italiano che possono essere decisivi. I miei li ho visti bene. Avremo una semifinale di Coppa che abbiamo voluto con tutte le nostre forze ma prima testa all’Udinese».

Cammino più agevole in quale competizione?
«Non siamo mai stati fuori dall’Europa, dobbiamo dare continuità. In Coppa Italia siamo in semifinale, l’abbiamo meritata».

Parolo riposa?
«Non lo so. E’ un calciatore importante che ha giocato tanto, si è sempre allenato, non ha mai avuto problemi. Abbiamo Murgia che sta bene, è in crescita. Ha dimostrato di poter giocare. Ha giocato un quarto di finale a San Siro con grandissima personalità. Se giocasse lui uno tra Parolo e Milinkovic riposerà».

Murgia può essere un titolare?
«Sicuramente. E’ un grandissimo lavoratore. Può fare la mezz’ala e il vertice basso».

Bastos accanto a de Vrij o ballottaggio Wallace-Hoedt?
«A livello di centrali stanno tutti bene. A Empoli abbiamo rinunciato a de Vrij, hanno giocato bene Wallace e Hoedt. Bastos sta bene, ha recuperato, sceglierò con tranquillità»

Immobile o Djordjevic?
“Ciro si è allenato bene così come Filip”

Marchetti?
“Non è convocato per domani. Vedremo di recuperarlo per mercoledì se offrirà garanzie”

Murgia o Parolo in regia?
«Murgia in Primavera ha giocato in entrambi i ruoli. Parolo anche può giocare lì, lo ha fatto in nazionale, li ho alternati, poi deciderò domani»