Diaconale: «Tifosi, siete il 12° uomo in campo! Arbitri? Proteste giuste della Lazio»

diaconale
© foto www.imagephotoagency.it

Arturo Diaconale difende la Lazio e reputa giuste le proteste contro la classe arbitrale. Un commento poi anche sulla gara vinta contro il Salisburgo

Lazio furiosa con gli arbitri, Nicchi però non ci sta e ne prende le difese. Arturo Diaconale, portavoce biancoceleste, ai microfoni di Radio Incontro Olympia, è voluto intervenire partendo proprio dalla questione arbitrale: «Le proteste dei laziali sono state fin dal principio corrette e più che legittime visti i numerosi torti arbitrali subiti in questo campionato di Serie A che stanno compromettendo il cammino della squadra biancoceleste. Il tifoso può e deve fare il tifoso, soprattutto se vede messi a repentaglio gli interessi della propria squadra del cuore. Tuttavia nessuna guerra ci deve essere o deve nascere in questo delicato finale di stagione fra la Società Sportiva Lazio e la classe arbitrale. Mi allineo totalmente alla posizione di Tare espressa ieri a margine della partita di Europa League contro il Salisburgo, dove tanto per cambiare e non farci mancare niente abbiamo visto assegnarci contro un calcio di rigore inesistente. Ciò nonostante l’AIA stessa si assuma le responsabilità e se ne faccia una ragione. Dopo l’ennesimo errore e danno patito dal club di Lotito il sospetto diviene automatico, Nicchi pensi ad applicare il Var che è una innovazione tanto sperimentale quanto utile per il calcio italiano e mondiale. Basta che con noi non si dimentichino più di poterlo e doverlo utilizzare».

SALISBURGO – «Volevo ringraziare tutti coloro erano presenti allo stadio, l’Olimpico era una bolgia, il dodicesimo uomo, come detto da Felipe Anderson a fine gara. I giocatori se ne sono accorti. Questo deve essere il punto di partenza…», ha concluso Diaconale.

Articolo precedente
formelloFormello, testa già all’Udinese: riecco Lukaku, scalpita Felipe Anderson – VIDEO
Prossimo articolo
Lulic: «Con questo tifo giocare è tutta un’altra cosa. Champions? Vietato sbagliare!»