Connettiti con noi

Campionato

Da Krasic a Hernandez: i peggiori gol subiti allo scadere dell’era Lotito

Pubblicato

su

La Lazio dell’era Lotito, nei minuti di recupero, non sempre è riuscita a portare a casa il risultato: ecco alcuni degli episodi più eclatanti

 

Il gol di Theo Hernandez arrivato nell’ultimo minuto di recupero è stata una vera doccia fredda per la Lazio di Simone Inzaghi, brava a riacciuffare il risultato dopo essere andata sotto di due reti. Nell’epoca della gestione Lotito, non sempre la Lazio si è dimostrata abile nel preservare il risultato nei minuti di recupero. Ecco alcun degli episodi più dolorosi ed eclatanti.

 

Napoli Lazio 2-2 (HAMSIK).

Uno dei più vecchi risale a circa 12 anni fa. La Lazio di Delio Rossi è ospite del Napoli di Reja, neopromosso. I biancocelesti ribaltano l’iniziale vantaggio dei partenopei firmato Hamsik con le reti di Ledesma e Pandev, ma al quarto minuto di recupero del secondo tempo, complice un Marco Ballotta non ineccepibile, si vedono riacciuffati a pochissimi decimi di secondo dal fischio finale. A segnare la rete, ancora il centrocampista slovacco. Doccia freddissima

 

Juventus Lazio 2-1 (KRASIC)

Probabilmente è quello che i tifosi biancocelesti ricordano maggiormente. La rete del serbo (in realtà autogol di Muslera) è arrivata allo scadere id un match che la Lazio era stata in grado di rimettere in piedi. Al 94′ la beffa: Krasic scodella in area, Muslera, da terra smanaccia dentro la propria porta.

Lazio Fiorentina 1-1 (KEIRRISON)

La Lazio di Edy Reja ospita i viola all’Olimpico. I Capitolini si portano in vantaggio con uno splendido gol di Sebastiano Siviglia, che di riesce a girare di tacco un cross direttamente da calcio d’angolo. La Fiorentina di Prandelli non sembra mettere in difficoltà la Lazio, ma nel recupero (di 5 minuti), arriva una nuova doccia fredda. L’autore è il brasiliano Keirrison, che da due passi batte Berni, segnando il suo unico gol in Serie A.

 

 

Fiorentina Lazio 1-0 (GILARDINO)

Altra partita buttata allo scadere, sempre contro la Fiorentina di Prandelli. Questa volta però, al Franchi. Era il 2009, una buona Lazio cerca in tutti i modi di battere un insuperabile Frey. Zarate è ispirato, ma non riesce a trovare la via del gol. Al minuto 89′, alla prima vera occasione del match, i padroni di casa si portano in vantaggio. A rompere gli equilibri è Alberto Gilardino, che sfrutta una ribattuta dopo la parata di Muslera.

Genoa Lazio 1-0 (Pinilla)

«La Lazio domina, Pinilla entra e la punisce». Basta il titolo di Repubblica per rendere ben chiaro lo svolgimento del match risalente al 2014.  Si fanno male Gentiletti, Biglia e Konko, de Vrij viene espulso. Ciliegina sulla torta, la squadra di Pioli subisce la beffa al minuto 86′, grazie alla rete del neoentrato Mauricio Pinilla.

Advertisement