Conferenza Sarri: le parole del tecnico dopo il Cluj
Connettiti con noi

Hanno Detto

Conferenza Sarri: le parole del tecnico dopo il Cluj

Pubblicato

su

Maurizio Sarri è intervenuto in conferenza stampa al termine della sfida tra Lazio e Cluj in Conference League

Maurizio Sarri ha parlato in conferenza stampa al termine di Lazio-Cluj. Le sue dichiarazioni:

ARBITRO – «La direzione di gara dice tutto sulle qualità dell’arbitro che è inadatto ad arbitrare in Europa. Ha condizionato la partita, come fa a essere una chiara occasione da gol con il giocatore che porta la palla verso la bandierina. Ha condizionato pesantemente la gara con ammonizioni disarmanti e concedendo a loro qualche fallo di troppo. Spero sia solo scarso».

REAZIONE – «La squadra dal punto di vista della reazione ha fatto bene, siamo rimasti in partita, dopo pochi minuti l’abbiamo ripresa in mano e siamo andati in vantaggio. Io del nostro portiere ricordo un paio di buone uscite, questo vuol dire che non abbiamo concesso niente. Ho solo due rammarichi: la gara ci ha portato a spendere tanto, la sensazione che rimandendo in undici si potesse dare una bella spallata alla qualificazione».

PRESTAZIONE VECINO – «Vecino ha fatto una buona partita, ha iniziato un po’ impacciato ma poi è cresciuto. Quando la partita si è fatta di sacrificio ha fatto molto bene».

MAXIMIANO – «Maximiano sta trovando continuità, cosa che non aveva fino a un mese fa, e piano piano sta andando a rendimento, Gila ha fatto bene perchè è entrato in un momento difficile ma lo ha fatto con grande carattere. Mi dispiace aver tolto Marcos Antonio dopo 13 minuti, lui è stato strepitoso, ha capito che non c’erano altre soluzioni e non ha posto nessun problema. Mi dispiace anche perchè mi sembrava che avesse iniziato bene la gara».

MARCOS ANTONIO – «Marcos Antonio può giocare sempre, ha bisogno che la squadra lo supporti. Ha grandi qualità, ha limiti a livello fisico e se i due che gli giocano accanto sono Milinkovic e Vecino può giocare, se ha giocatori meno fisici va in difficoltà».

EUROPA LEAGUE COL CHELSEA – «Ho vinto l’Europa League con il Chelsea, il Chelsea in Europa League era un’arma illegale. Potevo cambiare 10/11 giocatori. I problemi che abbiamo qui al Chelsea erano molto più attenuati. A volte mi sembra di averli cambiati anche tutti e undici, diventa quindi un piacere fare tutte le competizioni con una rosa così ampia e di qualità. In quella stagione abbiamo fatto 65 gare ufficiali, qui la realtà è diversa e c’è sempre il rischio di lasciare qualcosa. Mancano 63 ore all’inizio della prossima gara e questa sera abbiamo speso tanto avendo giocato con un uomo in meno».

LUCA PELLEGRINI – «Si sta inserendo. Giocando così spesso non hai tempo di fare allenamenti di reparto, noi cerchiamo di farli dopo la partita ritagliandoci del tempo apposta per lui. I ragazzi erano in ritiro e hanno lavorato per venti giorni, lui fa lo stesso lavoro per venti minuti, sta facendo comunque un gran lavoro, mi sembra abbastanza vispo. Anche lo staff lo sta aiutando molto con video del lavoro fatto in estate e in stagione sopratutto per quanto riguarda la linea difensiva. Lo avrei messo dentro ma era diventata una partita difficile dove c’era più da andare a contrasto che giocare a calcio. Fisicamente sta crescendo, a lui ho detto che un difensore che mi hanno preso il 31 gennaio non ce l’ho mai fatta a farlo giocare, dipenderà anche da lui».

ITALIANE NELLE COPPE – «Non c’è una squadra competitiva al 100%. Credo che il livello del calcio italiano sia buono, le nostre squadre di Europa e Conference League non sono meno delle squadre degli altre tre campionati europei, esclusa la Premier».

Copyright 2023 © riproduzione riservata Lazio News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 46 del 07/09/2021 Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - PI 11028660014 Editore e proprietario: Sport Review s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.