Connettiti con noi

Hanno Detto

Capello: «Corsa Champions? sarà una lotta all’ultimo punto»

Pubblicato

su

L’ex tecnico Fabio Capello ha fatto un’analisi sul campionato che è da poco cominciato. Le sue dichiarazioni

Una lotta punto a punto. Fabio Capello, in esclusiva per ilgiornale.it, ha parlato della lotta Champions, ecco le sue parole:

«Sarà molto dura per tutti e sarà una lotta all’ultimo punto. Partiamo dal sud: io vedo molto bene il Napoli perché è una squadra che già si conosce da tempo, ha un allenatore che ha esperienza e darà filo da torcere a tutte. Alla Roma c’è Mourinho che sta trasmettendo voglia e ambizione a questa squadra dunque attenzione anche ai giallorossi che sono una squadra votata all’attacco ma quest’anno rispetto al passato hanno un portiere che è un cosa importante. Andiamo in Lombardia, con l’Atalanta che è ancora in costruzione ma c’è la garanzia dell’allenatore, alla società fino ad arrivare alla mentalità ormai acquisita. Il Milan è stato una sorpresa ma ora i giovani sono maturati e devono dimostrare il loro valore con il pubblico che potrebbe creare pressione. La società ha costruito una squadra per essere protagonista da subito ma con visione futuristica. Come detto c’è l’Inter che per me è la favorita numero uno alla vittoria finale perché si è mossa con molta intelligenza, è vero che ha perso due giocatori importanti ma ne ha presi altri che possono far fare salto di qualità. La base c’è grazie a Conte, la casa era stata costruita e ora ci stanno facendo degli aggiustamenti cambiando gli interni. La Juventus ha ancora un giorno per ritoccare la squadra, l’attacco. Allegri è un grande allenatore che ha dimostrato il suo valore vincendo cinque scudetti e facendo due finali di champions League ma la sua squadra attuale è diversa rispetto a quella di anni fa e dunque voglio aspettare ancora un po’ per pronunciarmi. Ma ci sarà grande competitività. Non mi sono poi dimenticato della Lazio che con Sarri metterà basi per qualcosa di diverso aspettando di vedere il suo credo trasferito sul terreno di gioco».

CLICCA QUI PER L’INTERVISTA INTEGRALE DI FABIO CAPELLO