Connettiti con noi

Campionato

Candela: «Nesta uno dei difensori più forti di sempre ma Delvecchio lo faceva sudare»

Pubblicato

su

Vincent Candela, storica bandiera della Roma, ha parlato a Il Cuoio del derby di domani sera contro la Lazio. Le sue parole

Vincent Candela, storica bandiera della Roma, ha parlato a Il Cuoio del derby di domani sera contro la Lazio.

DERBY DEL CUORE – «Di sicuro nel 2002 quello del 5-1 con quattro gol di Montella e il pallonetto di Totti, è stato il derby che abbiamo giocato meglio, tra due squadre all’epoca fortissime. Il più brutto invece, quello con Zeman nella stagione 1997-1998. Fu una mazzata. Io mi sono legato subito al popolo di Roma e so quanto i tifosi ci tenevano a fare bene contro la Lazio».

COREOGRAFIA PIÙ BELLA – «Se chiudo gli occhi me ne viene in mente una, ma non giocavo più. Da calciatore, ne ho viste tante geniali, bellissime, ma quella che mi ha toccato più il cuore l’ho vissuta in tribuna. Mi riferisco a quella con tutti i capitani esposti con gli stendardi in Curva Sud nel 2015, è stata davvero emozionante. Mancheranno i tifosi in questa partita».

AVVERSARIO COME COMPAGNO DI SQUADRA – «Chi avrei voluto come compagno di squadra nei derby? Alessandro Nesta, uno dei difensori più forti di tutti i tempi, oltre che una persona umile. Contro di noi andava spesso in difficoltà, Delvecchio lo faceva sudare parecchio, ma era un campione».

DERBY – «Il derby è la partita più importante per la città, c’è tutto l’amore e la sofferenza del suo popolo. Quando giocavo io erano tante le partite importanti, dipende per cosa lotti».