Biava: «Lazio, attenta al Chievo. Ora bisogna dare continuità ai risultati»

biava-lazio-chievo-verona
© foto www.imagephotoagency.it

Ai microfoni di Lazio Style Radio è intervenuto l’ex difensore biancoceleste Giuseppe Biava.

Ai microfoni della radio ufficiale biancoceleste è intervenuto Giuseppe Biava per commentare il match della Lazio contro la Juventus e analizzare la prossima sfida con il Chievo Verona: «Lo schieramento scelto da Allegri ha sorpreso la Lazio. I biancocelesti hanno sofferto nelle prime battute del match. Dopo una sconfitta la Juventus difficilmente perde nuovamente. Quando i bianconeri giocano così, è difficile per tutti. Mandzukic e Cuadrado hanno fatto anche i terzini, sono giocatori che mettono sia quantità che qualità in campo. Higuain è difficile da marcare. Wallace se avesse fatto un passo verso la sua porta, avrebbe sicuramente intercettato il pallone. De Vrij è stato sorpreso dal mancato movimento del compagno. Alla Lazio è mancato l’apporto del reparto offensivo. Contro la Juventus è legittimo soffrire, ma i biancocelesti non sono riusciti a ripartire. Il gruppo di Inzaghi, se avesse portato più pressione, avrebbe messo in difficoltà gli uomini di Allegri. Le qualità di palleggio non mancano ai capitolini, giocatori come Felipe Anderson e Immobile sono in grado di imbastire ottime trame di gioco offensivo. Se riesci a resistere alle prime sfuriate della Juventus, ne puoi approfittare. Allo Stadium i bianconeri partono sempre con molta aggressività – ha spiegato Biava -. La Lazio all’Olimpico mette in difficoltà ogni squadra, ma il Chievo è una squadra collaudata che è molto difficile da affrontare. Sarà una gara difficile, ma i biancocelesti hanno gli uomini giusti per mettere in difficoltà i clivensi. Djordjevic ha qualità diverse da Immobile; tiene alta la palla, ma va cercato con cross perché è molto bravo in area, zona nella quale sfrutta la sua potenza fisica. La Lazio ha una buona classifica, qualche squadra potrebbe lasciare per strada qualche punto. I biancocelesti, però, devono dare continuità ai risultati».