Atalanta, Gasperini grida allo scandalo: «Brutta giornata per il calcio, episodio gravissimo! Così vincono sempre le stesse…»

gasperini
© foto www.imagephotoagency.it

Al termine di Atalanta-Lazio, l’allenatore dei bergamaschi Gian Piero Gasperini è intervenuto ai microfoni della Rai

La Lazio si aggiudica la Coppa Italia vincendo 2-0 nella finale contro l’Atalanta. Al termine del match, l’allenatore dei bergamaschi Gian Piero Gasperini è intervenuto ai microfoni della Rai, dove ha analizzato la sconfitta: «Un peccato, ma queste finali sono così. Il momento decisivo è arrivato nel secondo tempo, nell’episodio del calcio d’angolo abbiamo perso la partita, non ci siamo più ripresi. All’inizio abbiamo cercato di giocarci le nostre energie, abbiamo anche avuto un’occasione clamorosa. Poi però abbiamo subito la pressione e la forza di una squadra come la Lazio. Adesso superiamo questa delusione e andiamo avanti. Ne usciamo bene, per noi è stata una bellissima esperienza. Passiamo questa nottata e poi pensiamo al campionato».

INTERVENTO – Subito dopo l’allenatore dell’Atalanta è intervenuto nuovamente ai microfoni di Rai Sport«Queste partite si giocano sul filo di episodi, nel primo tempo abbiamo avuto un’occasione clamorosa. Peccato, potevamo far gol noi prima e hanno fatto gol loro. Tocco di mano di Bastos? E’ grave, è un tiro che forse va anche in gol. Non l’avevo visto, non m’è piaciuto Banti in tutta la condizione della partita, ma questo episodio è da Var. E’ inaccettabile. Non ha giustificazioni. La Lazio è un’ottima squadra, ma questo non è un episodio sano. Testa alla Champions? Abbiamo vinto lo stesso con i nostri tifosi, questo tifoso ci fa vincere ancor più. Questa roba è davvero brutta, la partita poteva andare in tanti modi. Sul campo è stata una partita equilibrata. E’ troppo evidente, abbiamo assistito una stagione di rigori e rigorini, non abbiamo detto niente, ma questa è pesante».

CONFERENZA STAMPA – Gian Piero Gasperini è imbufalito e rincara la dose in sala stampa: La partita è stata difficile, molto bloccata. Con una Lazio molto forte. Abbiamo tenuto bene e siamo stati in partita fino alla fine. Non siamo riusciti a esprimerci nel primo tempo, ma è stata anche una scelta quella di coprirci di più. Nel secondo tempo ci siamo giocati al meglio le nostre carte, con un baricentro alto. La partita era più equilibrata, giocata nella loro metà campo. Poi queste partite sono decise da episodi. Fallo di mano di Bastos? E’ molto grave, è un episodio di una gravità inaudita. Abbiamo assistito a falli di rigore difficili da vedere, ma questo è chiarissimo e ha inciso sulla vittoria della Coppa Italia. Fare questo all’Atalanta è vergognoso. Questo episodio toglie credibilità al Var. Questa palla va dentro, è deviata e va sul palo. Non vederlo è gravissimo. Ci sarebbe stato anche il secondo giallo. Avrebbe cambiato tutto. Fare questo all’Atalanta è una cosa brutta per il calcio. Non è comprensibile,così vincono sempre le stesse. Io non l’ho visto che ero lontano, l’arbitro può non vederlo perchè poteva essere coperto, per questo c’è il Var. C’è un rigore, un’espulsione, una squadra che può giocare in 10, c’è una finale di Coppa. Questo non cambia la partita, abbiamo fatto i complimenti alla Lazio che è una squadra forte e resta forte. Ma questo episodio è uno scandalo grandissimo. Se ho la sensazione che questo accada perché davanti c’è l’Atalanta? Datemi voi una giustificazione per questo episodio. Non si è visto? C’è il Var. Non è una cosa dubbia, è un episodio troppo grande. Vorrei una giustificazione. Venissero qui a dirci che cosa hanno visto, o che cosa non ha funzionato. Avrebbe cambiato la partita. Di certo non c’è niente, ma in dieci dal 25esimo… Fate voi. Non capisco come sia possibile non vedere un episodio simile. L’unica giustificazione che posso accettare è che la tecnologia abbia fatto cilecca. Mi dispiace. Non volevo fare questa conferenza stampa, volevo venire qui per fare i complimenti alla Lazio e basta. Questa è una roba ingiustificabile, bruttissima nei confronti di 21 mila persone venute qui da Bergamo. Saremmo stati pronti a dire bravi lo stesso. Ma quest’episodio pesa. E’ una brutta giornata, non per noi che abbiamo perso, ma per il calcio».